Zambrone, niente dirette video dei Consigli comunali. L’opposizione: “Un’altra occasione persa di condivisione e democrazia”

“La Legge 150 del 2000 sulla ‘Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni’, presenta la comunicazione, o meglio l’Informazione, come una risorsa indispensabile e uno degli elementi principali dell’attività di una Pubblica Amministrazione. Nell’articolo n. 1 della Legge, l’obiettivo a cui fa riferimento la comunicazione istituzionale è la trasparenza e l’efficacia dell’azione amministrativa. In considerazione di questo importante aspetto (e dell’ormai globale coinvolgimento dei cittadini alla vita pubblica dell’amministrazione comunale attraverso i nuovi mezzi di comunicazione), mossi dal desiderio di riportare, come detto più volte, la democrazia e la trasparenza nel palazzo comunale, abbiamo chiesto con interrogazione del 20 ottobre, indirizzata al presidente del Consiglio, la possibilità di effettuare dirette video del Consiglio comunale”.

A sostenerlo sono la capogruppo di “Rinascita per Zambrone” Maria Carmela Epifanio e i consiglieri di minoranza Amelia Conca e Fabio Cotroneo che spiegano che “l’’intento era di poter condividere con i cittadini uno dei momenti più importanti delle azioni politiche comunali, quello relativo alla discussione dei vari temi all’ordine del giorno”. “Avvicinare la cittadinanza a prendere parte con interesse e costanza alla discussione sostenuta dai vari rappresentanti comunali – sostengono gli esponenti della minoranza – sarebbe stato un ottimo modo di riavvicinare molti cittadini alla politica zambronese. Ma con nota del 19 novembre, ci è pervenuta la risposta del presidente del Consiglio comunale, Marcello Giannini che riporta tale motivazione: ‘Dopo aver interpellato tutti i consiglieri del gruppo ‘Identità e futuro per Zambrone’, non è emersa unanime volontà all’accoglimento della vostra richiesta. Pertanto, la vostra istanza non può essere accolta. A tale proposito si fa presente che l’accesso ai Consigli comunali è per sua stessa natura libero. Pertanto nulla osta a una partecipazione dei cittadini interessati alle sedute consiliari’.

Da questa replica sorgono una serie di considerazioni da parte di Epifanio, Conca e Cotroneo: “il concetto di trasparenza dell’attività amministrativa, secondo cui ‘i cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di esercitarle con disciplina e onore’, constatiamo con profonda amarezza, resta oggi un fatto meramente teorico a Zambrone.

In un periodo così delicato di pandemia da Covid-19, in cui la partecipazione dei cittadini ad eventi pubblici diventa un pericolo per la salute pubblica – di cui ne è a pieno titolo responsabile il sindaco – come è possibile non accogliere una proposta che mira in più direzioni a produrre benefici sulla cittadinanza?

Non esiste – proseguono – una tutela dell’immagine del singolo consigliere quando la discussione si appresta ad essere di natura pubblica e mira all’osservanza delle norme anti covid-19. Il consigliere esercitando la funzione assegnatagli dalla legge, diventa personaggio ‘pubblico’, per cui il normale diritto alla privacy resta attenuato, essendo cedevole rispetto al concorrente diritto del cittadino di essere informato dell’attività dei consiglieri eletti. In più, con questa proposta, anche gli zambronesi lontani dal loro paese, avrebbero potuto seguire le dinamiche della sua politica amministrativa. 

La funzione del presidente della seduta sarebbe quella di assicurarne il regolare e pacifico svolgimento dei lavori che non verrebbe compromesso dalla ripresa e dalla registrazione. Ci saremmo anche proposti ad aiutare la maggioranza nella predisposizione di un regolamento che sancisse le modalità e gli eventuali limiti delle dirette delle sedute consiliari”. Dunque, si tratterebbe di “un’altra occasione persa di condivisione e democrazia” perché “era un’opportunità per la maggioranza di dare conferma del fatto che realmente la democrazia dimorasse nella casa comunale, come è stato anche affermato e sottolineato dal sindaco nel primo Consiglio svoltosi appena un mese fa. Prendiamo atto con tutti i cittadini zambronesi di questa scelta. La maggioranza – è la conclusione – dimentica ancora che l’opposizione a Zambrone esiste e anche senza dirette dei Consigli comunali, renderà conto alla popolazione di tutto ciò che viene fatto e deciso sulle loro vite e sul loro futuro”.

Contenuti correlati