Wanda Ferro si scatena: “Centrosinistra prepara operazioni clientelari”

“Mentre i sindaci di centrosinistra del Vibonese continuano a negare che la Regione abbia utilizzato i fondi per la depurazione a fini di propaganda elettorale, apprendiamo dalla stampa che il Pd crotonese fa outing e pubblica un manifesto con l’elenco delle risorse distribuite ai comuni, ringraziando la Regione e invitando al voto per il centrosinistra”.
Wanda Ferro va avanti nella sua denuncia politica e attacca, ancora una volta, gli avversari sulle loro modalità d’azione.
“Avevo parlato di uno scenario da voto di scambio politico-istituzionale – sostiene l’esponente di Fratelli d’Italia – ed è lo stesso Pd a confermarlo. I cittadini dovrebbero chiedersi perché soltanto dopo un anno e mezzo dalla firma del Patto per il Sud con Renzi, il presidente Oliverio decide di sbloccare questi fondi con una erogazione a pioggia in piena campagna elettorale. Sempre la stampa segnala inoltre la massiccia campagna di assunzioni al Parco delle Serre, gestita dal commissario Mimmo Sodaro, notoriamente vicino al candidato di centrosinistra Bruno Censore: si parla di centinaia di contratti pronti per giovani disoccupati che non hanno bisogno di titoli particolari né di partecipare ad un concorso pubblico”. Queste le affermazioni di Ferro, su cui però bisogna specificare che il bando per i tirocinanti è questione diversa rispetto alla short list dell’Ente di tutela ambientale.
“Ma all’orizzonte – aggiunge la candidata del centrodestra nel collegio Vibo-Soverato – c’è ancora un clamoroso caso di utilizzo dell’attività amministrativa a fini elettorali. Ci risulta che lo staff del governatore Oliverio stia preparando un grande evento da tenersi nella settimana prima del voto alla Cittadella per presentare il nuovo bando di Garanzia Giovani. Uno strumento che ha fino ad oggi fallito il suo compito ed è stato gestito in maniera più che disastrosa dalla Regione Calabria, che ha bloccato per mesi e mesi i pagamenti ai giovani coinvolti. Ebbene pare che anche il nuovo bando, partito già un mese fa, sarà oggetto di una grande manifestazione al termine della quale le agenzie per il lavoro e gli enti di formazione saranno chiamati a firmare le relative convenzioni. Sarebbe un’operazione sfacciatamente clientelare – conclude – poiché non c’è alcun motivo di urgenza che costringa la Regione a procedere alla sottoscrizione delle convenzioni nei giorni precedenti al voto”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento