Viscomi: “Troppi morti per scelte scellerate di gestione del territorio, no al condono edilizio”

“Da meridionale, da calabrese, dico ai colleghi della maggioranza: fermatevi. Da meridionale, da calabrese dico: non è la natura a portare morte, ma l’uomo con scelte scellerate di gestione del territorio. L’ho visto troppe volte in questi ultimi tempi: a San Pietro Lametino, a Isola Capo Rizzuto, a Civita. Troppe volte, troppi morti, in territori piegati e piagati da scelte di governo, anzi di non governo dello spazio comune. Da meridionale dico: basta con i condoni. Basta con questa idea vergognosa che il consenso elettorale si ottenga ancora legittimando o non sanzionando comportamenti in sé irregolari”.

A dirlo è stato il deputato Antonio Viscomi nel corso del dibattito relativo al decreto per Genova in cui è stato inserito il condono edilizio.
“Basta – ha affermato l’esponente del Pd – con questa idea che le regole pensate per una ordinata vita comune, possano essere rimesse alla libera disponibilità individuale. Quelle regole che ora si vuole mettere nel nulla, non sono solo regole edilizie ed urbanistiche, sono le regole del nostro stare insieme. Fermatevi oggi, perché nessuno possa dire domani che in questo paese essere furbi conviene! Fermatevi ora perché il vostro cambiamento é sempre più un ritorno al passato, ai condoni di Nicolazzi, Craxi e Berlusconi e ora di Luigi Di Maio. Un passato – ha concluso – che grazie a voi non vuole proprio passare. E del quale portate tutta intera la responsabilità”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento