Vibo Valentia, rimessa a nuovo l’Area archeologica del Comune

È stata una pulizia straordinaria delle fornaci romane rinvenute durante i lavori dell’ampliamento del palazzo comunale effettuati nel 2009, per ridare le giusta importanza e fruibilità al’importante sito.

I lavori, infatti, avevano portato alla luce un intero quartiere artigianale di età romana comprensivo di tre fornaci di diverso tipo, un pozzo e la relativa cava di estrazione dell’argilla, unitamente a diversi scarti di lavorazione.
L’iniziativa di riqualificazione e i lavori di pulizia sono stati effettuati sotto la sorveglianza dell’archeologa Mariangela Preta, che ha coordinato l’intero l’intervento, per una maggiore fruibilità e comprensione del sito che si trova al piano terra (ufficio anagrafe) della sede comunale.
L’assessore alla Cultura, Daniela Rotino, in accordo con il sindaco Maria Limardo, ha tra l’altro voluto fortemente la realizzazione di un pannello illustrativo dell’area archeologica interessata redatto dalla archeologa Cristina La Serra, che aveva seguito i lavori di assistenza archeologica.

Contenuti correlati