“Vibo soffre”, il Rotary Hipponion lancia la grande sfida

Il Governatore del Distretto 2100 Salvatore Iovieno, il Presidente del Club Hipponion Michelangelo Miceli ed il Presidente incoming Mario Di Fede

Chi concorre a ridisegnare il progetto ideale per avviare una rimodulata iniziativa per tentare di rimuovere ostacoli e criticità, ai vari livelli, presenti su un territorio che da tempo ha lanciato il suo grido di allarme?
In questa direzione mira a lanciare il suo guanto di sfida il Rotary Club Hipponion che non nasconde le sue velleità volte a proiettare le sue attenzioni e dinamiche più stimolanti e avanzate nelle aree più diverse delle articolazioni del territorio.

Una opportunità che affascina l’emergente Club vibonese legato agli ideali di Paul Harrus e deciso a cavalcare lo sviluppo della cultura attraverso le sue più svariate articolazioni, ritenendola presupposto essenziale per promuovere la realizzazione di un efficace progetto nella convinzione che il Club dimostra di essere in possesso di tutta l’autorevolezza necessaria per candidarsi a partecipare attivamente all’irrinunciabile confronto.
La conferma che l’impegno del Club c’è è giunta puntuale. Salvatore Iovieno, Governatore del Distretto 2100 del Rotary International, presente il suo assistente Franco Petrolo, a conclusione della sua programmata visita, passando in rassegna la rete strutturale, il profilo associativo e l’iniziale obiettivo operativo, ha superato ogni dubbio sulla ferma volontà ed efficienza del Rotary Club Hipponion ad assurgere a sicuro punto di riferimento per un territorio che mira a superare il suo attuale percorso in salita.
Avviando l’incontro e dopo il rituale colloquio con il presidente Michelangelo Miceli ed il direttivo, il Governatore ha preso atto dell’attività e della programmazione avviata apprezzando le motivazioni e la credibilità del progetto che hanno portato alla costituzione del nuovo Club.
Il Governatore Salvatore Iovieno si è congedato dall’evento, avvenuto nella sala moquette dell’hotel 501, con un serio e certificato riconoscimento alla innovata filosofia della più avanzata cultura del servizio che il Club, ideato da Vito Rosano, Presidente dei Past Governor del Distretto 2100, ha messo in piedi per garantire una più rispondente interpretazione del ruolo e della funzione del Rotary International ad incominciare dall’ambita connessione tra i principi della prestigiosa Associazione e l’indispensabile bisogno del nostro territorio di ridare speranza alle aspettative di una comunità che ha necessità, perchè sempre più ricca, di talenti e autorevoli personalità della società che avanza.
Il Club “Vibo Valentia Hipponion” intende far sua e gestire in maniera intraprendente l’idea di un Rotary che promuove e sviluppa le potenziali capacità della città, del suo territorio e delle sue migliori sinergie in una rete dove Rotary e Rotaract, ad esempio, sostanziano di evoluti contenuti la nuova spinta generazionale di fronte all’evoluzione dei tempi.
È evidente che i temi della grande sfida ci sono tutti e passano dalla necessità di saper bene interpretare il reale obiettivo: ecco perché Rotary Hipponion può far sua la guida del più ideale sistema di condivisione programmatico e realizzativo.
Nel corso della visita del Governatore Salvatore Iovieno ha registrato, tra l’altro, l’ingresso del giornalista Giuseppe Sarlo (il suo è un ritorno) e dell’avvocato Gaetano di Tocco. Entrambi sono stati presentati al Club da Vito Rosano.

Contenuti correlati