Vibo Marina, senzatetto si appella al senso di umanità: “Un riparo almeno per l’inverno”

*di Francesco Castagna – Vibo Marina e i suoi invisibili. Un indigente, per ripararsi dal freddo pungente di queste notti di gennaio, ha trovato come unico rifugio la desolata stazione ferroviaria di Vibo Marina.

Da qualche giorno l’anziano uomo, recuperato un vecchio materasso abbandonato insieme ai pochi averi in suo possesso, si è sistemato alla meno peggio nell’atrio della biglietteria. Adesso, giunto al limite delle proprie forze fisiche e morali, lancia un appello alle istituzioni, o al buoncuore di qualcuno, per chiedere un posto dove ripararsi almeno per le prossime settimane d’inverno in attesa che, con l’arrivo della primavera ed il bel tempo, vivere senza un tetto sulla testa gli risulti meno inumano.

Contenuti correlati