Vibo, giornata solidale del Rotary con i poveri del quartiere Affaccio

Il Rotary Club Hipponion di Vibo Valentia ha aderito all’appello lanciato dalla associazione Retake che opera presso la parrocchia della “Sacra Famiglia” della città dedicando una giornata solidale ai poveri del quartiere Affaccio, scrivendo il proprio nome all’albo di enti ed associazioni che ne condividono il progetto.     

L’associazione Retake rappresenta una accogliente e sensibile realtà sociale che con la propria attività  insiste da qualche anno sul territorio vibonese e che ha come confortante obiettivo rendere sempre meno sofferente il disagio di tanta gente che vive in uno dei quartieri più fragili.

L’impegno della Retake viene svolto, puntualmente, in penombra e senza eccessivi momenti esaltanti.

Intorno all’iniziativa dell’associazione, oggi presieduta da Franco Pietropaolo e che sin dagli anni passati continua a spendersi in un’opera di forte rilevanza comunitaria, è aumentata l’adesione di chi crede nella vocazione della cultura della solidarietà attraverso il servizio e l’assistenza.  

È toccato al Rotary Club Hipponion entrare a far parte di un progetto di condivisione volto ad aiutare soprattutto i più sofferenti a superare nel migliore dei modi lo stare insieme e godere dello spirito di copartecipazione ad una giornata di festa domenicale.

“Il Rotary Club Hipponion  – ha detto, tra l’altro, il presidente Mario Di Fede – non poteva rimanere indifferente al cospetto dell’importante programma che l’Associazione Retake sta portando avanti con straordinaria passione in soccorso alla ‘chiamata’ lanciata dalla Parrocchia della Sacra Famiglia, guidata con molta cura e attenzione da don Piero Furci, decidendo di aderire con amore e gioia, vigore e grande impegno. Quella vissuta dal Club alla Sacra Famiglia è stata una giornata intensa e ricca di forti vibrazioni sociali – ha aggiunto Di Fede – dove ognuno di noi ha messo in gioco la propria sensibilità ed il proprio attaccamento ai valori della vita in una comunione d’intenti che alla fine ha lasciato il segno. Noi pensiamo, infatti, di istituzionalizzare questo incontro che ci ha portato ad offrire, a quanti nel quartiere ne hanno bisogno, un sereno e felice incontro a tavola tra gli umori più spontanei e di forte ispirazione sociale. Ecco perchè il Rotary esce rafforzato nel suo carattere ed itinerario associativo da questa esperienza”.Al termine ai complimenti per il successo dell’iniziativa rivolti da Vito Rosano, presidente dei Past Governor del Distretto 2100 del Rotary International,  si aggiungono anche quelli di Mario Di Fede che  ha ringraziato don Piero Furci, l’associazione Retake ed i soci tutti che hanno firmato con la loro presenza e partecipazione attiva uno dei momenti più significativi della storia che guida il percorso ideato da Paul Harris sul modo di servire al di sopra di ogni interesse.           

Contenuti correlati