Vibo, “Educazione alla legalità economica”: continuano gli incontri della Guardia di Finanza con gli studenti

Le Fiamme Gialle, presso il Convitto Filangeri di Vibo Valentia, hanno continuato gli incontri con gli studenti per parlare di cultura della legalità economica, nell’ambito della settima edizione del Progetto.

Coinvolti in questo caso i rappresentanti della Consulta provinciale degli studenti e una rappresentanza delle quinte classi del Liceo Classico ed Artistico, diretto dall’ingegner Raffaele Suppa nonché del Liceo Statale “V. Capialbi”, diretto dall’ingegner Antonello Scalamandrè.
L’incontro, introdotto dalla dottoressa Franca Falduto dell’Ufficio scolastico regionale, è stato tenuto dal Comandante provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Roberto Prosperi, con la partecipazione del comandante del Reparto Operativo Aeronavale di Vibo Valentia, tenente colonnello Alberto Catone, avvalendosi della collaborazione dei luogotenenti Giovanni Surace e Francesco Galeano. Il rettore del Convitto, professor Alberto Filippo Capria, ha terminato i lavori porgendo agli intervenuti un proprio indirizzo di ringraziamento.
Si rammenta che l’iniziativa trae origine da un Protocollo d’intesa stipulato tra il Comando generale della Guardia di Finanza ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ed è finalizzata a promuovere, nell’ambito dell’insegnamento “Cittadinanza e Costituzione”, un programma di attività a favore degli studenti della scuola primaria e secondaria, con l’intento di far maturare la consapevolezza del valore della legalità economica, con particolare riferimento alla prevenzione dell’evasione fiscale e dello sperpero di risorse pubbliche, delle falsificazioni, della contraffazione, nonché dell’uso e dello spaccio di sostanze stupefacenti.
Di concerto con il predetto Dicastero è stato così sviluppato il progetto denominato “Educazione alla legalità economica” che, anche per il corrente anno scolastico, prevede l’organizzazione, a livello nazionale, di incontri presso le scuole orientati a:

  • creare e diffondere il concetto di “sicurezza economica e finanziaria”;
  • affermare il messaggio della “convenienza” della legalità economico-finanziaria;
  • stimolare nei giovani una maggiore consapevolezza del delicato ruolo rivestito dal Corpo, quale organo di polizia vicino a tutti i cittadini, di cui tutela il bene fondamentale delle libertà economiche.
    All’iniziativa è abbinato un concorso denominato “Insieme per la legalità” che ha lo scopo di sensibilizzare i giovani, tramite il coinvolgimento delle scuole, sul valore civile ed educativo della legalità economica, nonché in merito alle attività svolte dal Corpo in tali settori, favorendo la loro espressione libera, creativa e spontanea sulla tematica.
    Nell’occasione, agli studenti è stato illustrato, inoltre, il concorso in atto per l’arruolamento di 830 allievi marescialli presso la Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza – l’Aquila – anno accademico 2019/2020 (scadenza 12 aprile 2019).

Contenuti correlati