Vibo. Acqua, degrado e toni accesi al Consiglio Comunale

Consiglio comunale movimentato quello tenutosi questa mattina nella sala consiliare a Vibo Valentia.

Dieci minuti di sospensione non sono bastati a raffreddare gli animi di cittadini accorsi alla seduta e dei consiglieri di opposizione, legati alle fila del PD, che si sono visti rigettare le interrogazioni presentate riguardanti importanti disagi che interessano Viale Accademie Vibonesi, Cancello Rosso, Contrada Cocari, Contrada Vaccaro e la frazione di Porto Salvo. A partire dall’accorato e sentito intervento del consigliere PD Alfredo Lo Bianco, fattosi portavoce delle pesanti carenze igieniche, dovute alla inesistente raccolta differenziata, e strutturali che i cittadini di Contrada Vaccaro sono costretti a sopportare, per finire all’accesa discussione tra il Presidente del Consiglio Giuseppe Muratore ed un privato cittadino, resosi colpevole di aver ripreso con la propria telecamera gli interventi che riguardavano la discussione sulla carenza idrica in città, l’atmosfera di stamane in Comune non era propriamente serena. Tra i punti all’ordine del giorno, ha tenuto banco l’urgenza di trovare presto una soluzione alla carenza idrica che da giugno affligge diverse frazioni e zone del centro cittadino, così come il capogruppo PD, Stefano Luciano, ha riportato l’attenzione sulla Biblioteca comunale. Su urgenze, votazioni dell’assemblea e interrogazioni, aleggiava l’ombra dei 24 milioni “da richiamare nelle casse del Comune, nonostante l’ufficialità a dicembre dell’uscita dal dissesto”.

Contenuti correlati