Vaccini dirottati da Vibo a Reggio Calabria, Barillari: “In prima fila per tutelare le esigenze delle nostre comunità”

Conferenza dei sindaci sul piede di guerra dopo la missiva-bomba con la quale il commissario alla Sanità Guido Longo ha chiesto all’Asp di Vibo Valentia di restituire i vaccini in dotazione per dirottarli verso l’Asp di Reggio Calabria. Atto destinato a scatenare accesse polemiche e proteste. A cominciare proprio da quella dei rappresentanti territoriali che sono i primi responsabili della tutela della salute sul territorio.

In prima linea anche il sindaco di Serra San Bruno, Alfredo Barillari, che, insieme agli omologhi, ha presidiato l’Asp e gli spazi dell’ospedale in cui sono conservati i vaccini.

“Non è possibile – ha affermato Barillari – che migliaia di dosi vengano dirottate dall’oggi al domani su altri territori. Siamo pronti a collaborare con le istituzioni preposte affinché si proceda con un programma di vaccinazione puntuale ed efficace. Per questi motivi – ha concluso – continueremo ad essere in prima fila per tutelare le esigenze delle nostre comunità”.

Contenuti correlati