Uccise l’ex cognato a Piscopio: condannato a 21 anni di reclusione

Il delitto fu commesso a colpi di pistola il 21 ottobre del 2018

Il Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Vibo Valentia ha condannato a ventuno anni di reclusione e seimila euro di multa il 50enne Giuseppe Carnovale.

Il verdetto è stato emesso al termine del giudizio celebrato con rito abbreviato per sancire le responsabilità connesse all’assassinio di Massimo Ripepi, ex cognato dell’imputato. Il delitto fu commesso a colpi di pistola il 21 ottobre del 2018 in via Regina Margherita, a Piscopio, frazione di Vibo Valentia. Carnovale, cinque giorni più tardi, fu arrestato sulla scorta di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il pubblico ministero aveva richiesto che a Ripepi fosse inflitta una pena pari a 18 anni di carcere. Quando Ripepi vide l’omicida con in mano una pistola tentò di scappare, il che ha indotto ad ipotizzare il reato di omicidio volontario. Movente dell’omicidio violenti dissidi maturati nel contesto familiare.

Contenuti correlati