Uccide il maiale in un magazzino adibito a deposito attrezzi: denunciato un 35enne, sequestrati anche gli altri suini vivi

Nei giorni scorsi un trentacinquenne di Paludi è stato denunciato dai Carabinieri Forestali di Rossano per macellazione clandestina. In questo particolare periodo dell’anno è tradizione l’uccisione dei maiali e la preparazione degli insaccati. Una tradizione antica che, sino a pochi anni fa, veniva effettuata in moltissime abitazioni.

Oggi però l’uccisione e la macellazione viene regolate da norme ben precise. I militari dell’Arma Forestale unitamente i colleghi della Stazione di Cropalati sono intervenuti per un controllo in una azienda in località “Princivalle” di Paludi dove hanno rinvenuto un uomo intento a macellare e sezionare un maiale all’interno di un magazzino adibito a deposito attrezzi, pertanto non idoneo alla macellazione. Inoltre in un locale adiacente all’interno del cassone di un autocarro erano presenti altri sette maiali. L’uomo non è riuscito a produrre alcuna documentazione in merito all’uccisione dell’animale e al possesso degli altri dichiarando di aver macellato l’animale secondo metodo tradizionale. Si è quindi proceduto al sequestro probatorio dell’animale ucciso e amministrativo sanitario degli animali vivi rinvenuti e alla denuncia dell’uomo per macellazione clandestina in quanto eseguita in luogo non idoneo e con metodo non conforme arrecando all’animale inutili sofferenze in conseguenza del mancato stordimento. 

Contenuti correlati