Trovati a tagliare legna nel Parco delle Serre: arrestati dai Carabinieri

Nel corso della mattinata, in località Ariola, i Carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, unitamente ai militari dello Squadrone eliportato Carabinieri “Calabria”, nel corso di un preordinato servizio contro il taglio abusivo di alberi in area protetta, hanno tratto in arresto in flagranza di reato per furto aggravato: due 32enni, entrambi residenti a Sorianello, ed un 35enne rumeno residente a Serra San Bruno.
Già da tempo i militari della Stazione di Soriano Calabro, grazie anche all’attività informativa svolta congiuntamente con i Carabinieri Forestali della Stazione di Serra San Bruno, hanno unito le forze con i Cacciatori di Calabria al fine di contrastare il fenomeno del taglio indiscriminato di aree protette. Di fatto, è stato avviato un piano strategico di contrasto all’annoso fenomeno tipico della zona delle Serre Calabre con la finalità di debellarlo.
Ed è proprio in quest’ottica, che per la seconda volta in due mesi, i Carabinieri hanno messo a segno un’altra operazione che è sfociata, stavolta, in tre arresti.
Nel corso del rastrellamento in località Ariola, i militari hanno osservato i tre soggetti mentre abbattevano degli alberi per un peso complessivo di circa 250 quintali. Riunite le forze, alle ore 10 circa, è scattato il blitz: i tre soggetti sono stati accerchiati ed in seguito bloccati. L’azione fulminea dei militari ha reso impossibile ogni tentativo di fuga dei tre soggetti che si sono subito arresi.
I tre uomini sono poi stati portati presso la Stazione Carabinieri di Soriano Calabro per tutti gli accertamenti del caso e sono stati poi dichiarati in stato di arresto e condotti in regime di arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità giudiziaria di Vibo Valentia.
Il legname, le motoseghe e il camioncino utilizzato per il trasporto sono stati posti sotto sequestro.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento