Trovate piante di cannabis indica in un casolare di San Nicola da Crissa: avrebbe fruttato 30.000 euro

Ancora serrati i controlli in materia di stupefacenti da parte dei carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno. Ieri pomeriggio, i militari della Stazione di San Nicola da Crissa sono intervenuti in località “Giambarone”, zona che i carabinieri stavano monitorando già da qualche tempo, insospettiti da movimenti inusuali. Battendo minuziosamente l’area interessata, i carabinieri sono giunti all’interno di un casolare abbandonato, al cui interno erano nascoste, in fase di essiccazione, 48 piante di “cannabis indica”. Lo stupefacente, che avrebbe fruttato, allo spaccio, circa 30.000 euro, è stato subito sequestrato e distrutto, come disposto dall’Autorità giudiziaria di Vibo Valentia. Rimane sempre altissima l’attenzione degli uomini dell’Arma contro la produzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti, fenomeno criminoso che affligge pesantemente il territorio Vibonese. Solo il 26 giugno scorso, sempre i carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno hanno tratto in arresto 14 persone, e denunciate altre 2, per spaccio, in concorso, di marijuana e cocaina.

 

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento