Tropea, successo per l’iniziativa “Puliamo il Mondo”

Anche l’edizione “Puliamo il Mondo 2019” ha registrato la proficua collaborazione tra il Circolo Legambiente Ricadi, il Comune di Tropea e l’Istituto d’Istruzione Superiore. 

“Facciamo Pigna – Se ognuno fa qualcosa allora si può fare molto” è stato lo slogan coniato dagli studenti che ha caratterizzato l’iniziativa svolta anche quest’anno presso la pineta della marina di Tropea. Un appuntamento già fissato lo scorso anno, quando i ragazzi del Liceo Scientifico “F.lli Vianeo”, dopo la pulizia della pineta, si sono impegnati a presentare al sindaco una proposta concreta di riqualificazione dell’intera area. Dopo l’appello lanciato nella passata edizione per salvare la pineta dall’incuria e dall’abbandono, quest’anno è giunta la proposta da parte degli studenti. Una proposta concreta, messa nero su bianco, con tanto di grafici e ricerca storica che ridisegna un luogo di grande interesse ambientale, per anni lasciato nel degrado e che se adeguatamente valorizzato, anche per la sua posizione strategica, a pochi passi dal porto turistico,  potrebbe diventare una delle aree di pregio della città. A presentare la proposta, elaborata dalle quarte classi del Liceo Scientifico, nell’ambito del progetto Percorsi per Competenze trasversali e per l’orientamento (ex Alternanza Scuola Lavoro), è stato Emanuele Dicosta, supportato dagli insegnanti e compagni d’Istituto. Dopo una prima parte dedicata alla ricerca storica si è passati alla presentazione del progetto vero e proprio con la dimostrazione grafica del prospetto futuro della pineta come immaginato dagli studenti. Un progetto funzionale e ricco di significati che, se realizzato, darebbe concretezza alla fantasia e all’impegno degli studenti e li vedrebbe fattivamente coinvolti nelle attività di sviluppo e pianificazione della città. Un’idea progettuale che propone la creazione di uno spazio verde utile come luogo di aggregazione sociale. Oltre 350 gli studenti partecipanti, in rappresentanza del Liceo Classico e del Liceo Scientifico, accompagnati dai propri insegnanti. Presenti all’iniziativa il sindaco e una delegazione di amministratori e i volontari del circolo Legambiente Ricadi i quali hanno coordinato le attività. Apprezzamento per il progetto è stata espressa dal sindaco di Tropea Nino Macrì, il quale, nel ringraziare la scuola per la proposta si è impegnato a farla propria attivandosi fin da subito per verificarne la fattibilità. L’area in questione, infatti, non è di proprietà comunale ma facente parte del patrimonio dell’Asp. Lo stesso Macrì, nell’evidenziare la proficua collaborazione svolta con il locale circolo di Legambiente che, in questi mesi, si è tradotta in una serie di iniziative concrete, si è soffermato su quanto fatto, in questo anno, per mettere in sicurezza l’area e mantenerla in condizioni di decoro. In conclusione ha ringraziato Calabria Verde per aver donato alla città numerosi alberi, molti dei quali sono stati messi a dimora nel corso dell’iniziativa in sostituzione di quelli caduti o abbattuti in quanto secchi o ammalati. La vicepreside Maria Domenica Ruffa, nel portare i saluti del dirigente scolastico Nicolantonio Cutuli, ha rimarcato la positiva sinergia che si è determinata tra le istituzioni, la scuola e l’associazionismo     

Apprezzamento per il percorso formativo intrapreso dall’Istituto Scolastico è stata espressa da Franco Saragò, presidente del Circolo di Ricadi, il quale ha messo in evidenza l’intraprendenza dei ragazzi e la loro voglia di partecipazione che fa ben sperare per il futuro. L’iniziativa di oggi, ha continuato Saragò, oltre che finalizzata ad un processo di sensibilizzazione ambiente, è una concreta attività di cittadinanza attiva che vede protagonisti i ragazzi.

Dopo la presentazione del progetto e i saluti istituzionali, gli studenti, unitamente ai volontari di Legambiente e ad alcuni amministratori hanno ripulito l’area dai rifiuti abbandonati e messo a dimora oltre 120 pini. Un’azione concreta che va di pari passo con le proposte di tutela della pineta, nella speranza che quest’area possa diventare uno dei parchi verdi della Perla del Tirreno. 

Le attività proseguiranno anche nei prossimi giorni con l’impegno di annaffiare le nuove piante, una sorta di adozione e di collaborazione nello spirito indicato nello slogan della manifestazione. 

Contenuti correlati