Tropea capitale italiana della cultura 2021, il Gal “Terre Vibonesi”: “È simbolo della Calabria intera”

“ ‘Se tutti ci crediamo si può’. Con questo motto – spiega il presidente del Gal, Vitaliano Papillo, – intendo annunciare il sostegno convinto della principale agenzia di sviluppo vibonese alla candidatura di Tropea a capitale italiana della cultura 2021, invitando tutti i calabresi a crederci ed a ‘tifare’ per questo ambizioso ed avvincente progetto, che è quello della Calabria intera. Si tratta, infatti, di una straordinaria operazione d’immagine, le cui positive ricadute si proietteranno su tutta la provincia e su tutta la regione.

Per questo, mutuando un linguaggio prettamente calcistico, esorto i calabresi a fare come si fa quando gioca la nazionale, laddove si abbandonano le simpatie e le casacche di ‘club’ e ci si unisce coesi in un unico, grandioso e spettacolare tifo. Facciamo di Tropea, unica realtà calabrese candidata all’ambizioso titolo, la nostra ‘nazionale’ e, anche se la competizione è dura, sosteniamola in questa straordinaria ‘partita’, nella convinzione che se sarà vinta vinceremo tutti. Facciamo che questa candidatura esprima il risveglio di quel sentimento di calabresità di cui dovremmo andar sempre fieri ma che molto spesso teniamo scorrettamente sopito. Le ‘avversarie in  campo’ sono 40 e di tutto rispetto ma la Perla del Tirreno, per quello che è e per quello che ha, possiede i requisiti per farsi valere sul terreno di gioco e spuntare il match. Perché Tropea è cultura”. “È cultura – sostiene Papillo – in senso stretto, ispiratrice dell’antica Accademia degli ‘Affaticati’. È cultura artistica, città natale dell’impressionista Albino Lorenzo, e architettonica, con i suoi numerosi palazzi nobiliari. È cultura storica, avendo avuto un importante ruolo strategico sia in epoca romana, che bizantina, mantenuto anche nelle successive epoche araba, normanna ed aragonese. È cultura turistica, simbolo com’è della sorprendente costa degli Dei, che tutto il mondo ci invidia. È cultura culinaria, patria che dà il nome alla regina indiscussa di tanti piatti, sua maestà la cipolla rossa. È cultura mitologica, nella leggenda che la vuole fondata da Ercole di ritorno da dalle colonne che segnavano la fine dell’antico mondo conosciuto. È cultura cinematografica e scientifica, avendo dato i natali a Raf Vallone ed i geni materni a Renato Dulbecco, medico e biologo, premio Nobel nel ‘75. È cultura religiosa, con il suo meraviglioso Duomo, la fotogenica ed un tempo eremitica Santa Maia dell’Isola e le tante chiese che custodisce. È cultura di santità e beatitudine, avendo partorito Santa Domenica, tra le prime martiri del cristianesimo, e don Francesco Mottola. In una parola Tropea è cultura calabrese: allo stesso tempo sintesi e approfondimento di una regione ricca di erudizione, arte saperi e sapori come poche altre. Ed allora – conclude – tifiamo tutti per Tropea capitale 2021 della cultura. Ed a giugno, quando arriverà il responso dei giudici di gara, potremo unirci compatti e fieri in un’immensa e festante ola di giubilo”.

Contenuti correlati