Tracciato Alta Velocità, Rogolino (OrSA): “Continueremo a far prevalere gli interessi di tutti i calabresi senza più interferenze campanilistiche”

La recente notizia che mette fine alla vexata quaestio sul tracciato ferroviario dell’Alta Velocità Salerno Reggio Calabria è giunta – prende atto Vincenzo Rogolino, Segretario confederale Calabria OrSa – attraverso un comunicato rilasciato dal Gruppo FS RFI.


Dopo l’intervento di qualche mese addietro del ministro dei Trasporti Salvini, finalmente è stato ufficializzato il progetto di fattibilità tecnica ed economica col quale si rende pubblico il percorso che dovrà seguire il tracciato sul territorio calabrese.
Infatti sono state rimosse le obiezioni che volevano che il tracciato AV FS deviasse e seguisse l’asse autostradale via Tarsia-Cosenza-Lamezia Terme.
In definitiva il tracciato Alta Velocità Ferroviaria seguirà l’originario corridoio scandinavo percorrendo la linea costiera via Paola, così come più volte auspicato in solitaria dal sindacato che rappresento”.
“Come sindacato OrSA Confederale Calabria speriamo – confida Rogolino – di non dover più entrare nel merito, l’abbiamo già fatto in questi tre anni di denunce e abbiamo dimostrato con documenti inoppugnabili che la modifica al tracciato originario era dispendiosa economicamente, inquinante e allungava i tempi di percorrenza con un danno reale alle province di Catanzaro, Reggio Calabria e alla jonica.
Ringraziamo per la determinazione il ministro dei Trasporti Salvini che ha ripristinato un principio di equità nell’interesse di tutto il territorio calabrese e coloro con i quali ci siamo interfacciati e accompagnati in questi anni in una battaglia incredibile.
Dal Comitato Santomarco di Paola, ad alcuni docenti del catanzarese come l’ingegner Italia che ha sostenuto lo studio, in tal senso, del professor Russo e fino al sindacalista Semina.
L’OrSA Calabria continuerà a vigilare, così come fatto in questi ultimi anni, affinché prevalgano i veri interessi di tutti calabresi e affinché i lavori trovino la giusta accelerazione senza più interferenze campanilistiche”.

Contenuti correlati