Torre di Ruggiero, un’intesa tra sindaci e scuole per far nascere l’Osservatorio IA e minori

Verso una rete sinergica tra Comuni e Istituzioni Scolastiche. Si punta a far nascere così un esperimento unico nel suo genere in Italia: l’Osservatorio Nazionale Minori e Intelligenza Artificiale. Dopo il convegno di presentazione dei giorni scorsi, l’amministrazione comunale di Torre di Ruggiero accelera i tempi, proponendo un protocollo d’intesa inviato ai sindaci del comprensorio delle Preserre e ai dirigenti scolastici.

Un accordo che vuole essere il primo passo verso la creazione di un progetto che avrà un impatto significativo su tutto il territorio. La sede centrale offerta dal Comune di Torre di Ruggiero, nel suo moderno centro policulturale, diverrà l’epicentro di una serie di laboratori, attività e iniziative che andranno a coinvolgere tutti gli enti locali aderenti. L’intenzione del comitato promotore è di rendere parte attiva la popolazione scolastica dell’intero comprensorio sul grande tema dell’uso consapevole delle nuove tecnologie e per preparare le nuove generazioni ai cambiamenti del mercato del lavoro che già si affacciano all’orizzonte.

Uno slancio verso l’avanguardia tecnologica per le Preserre. Non un semplice passo in avanti, ma un balzo verso l’avanguardia tecnologica e formativa, destinato a coinvolgere non solo i piccoli centri dell’entroterra jonico ma a ripercuotersi a livello nazionale.

Il sindaco di Torre, Vito Roti, ha già fissato un appuntamento per il prossimo 21 luglio, chiamando a raccolta tutte le parti coinvolte per la ratifica dei primi impegni. Questo è solo l’inizio di un viaggio entusiasmante verso la nascita di un polo tecnologico, didattico, di studio e ricerca innovativo e unico. Da un piccolo borgo della Calabria, una luce brillante si proietta sul futuro.

Contenuti correlati