Tassone spinge per la realizzazione dei Distretti del Cibo: “Accorciare i tempi, le eccellenze vanno valorizzate”

"Quello alimentare è certamente un settore su cui la Calabria può scommettere"

“L’Istituzione dei Distretti del Cibo può rappresentare una valida opportunità per il nostro territorio, ma è necessario dare seguito al più presto a quanto deliberato con la predisposizione delle apposite procedure di evidenza pubblica di selezione e valutazione che sono indispensabili per poter procedere con il riconoscimento degli stessi Distretti”.

Il consigliere regionale Luigi Tassone chiede l’accelerazione delle attività propedeutiche alla concretizzazione dei Distretti del Cibo che “possono rappresentare un momento di crescita attraverso il potenziamento della filiera agroalimentare e la valorizzazione delle specificità locali”. “Il Ministero delle Politiche agricole – afferma Tassone – dovrebbe provvedere alla pubblicazione del secondo bando nazionale riguardante i Distretti del Cibo, ma il rischio è quello di non poter partecipare perché nella nostra regione, allo stato, i Distretti non risultano costituiti. Non ha senso, dunque, temporeggiare – sostiene ancora – anche perché con la realizzazione di progetti che guardano al futuro è possibile creare nuovi posti di lavoro promuovendo l’inclusione sociale ed allo stesso tempo agevolare la tutela delle aree rurali”. “Quello alimentare – aggiunge – è certamente un settore su cui la Calabria può scommettere per disegnare un futuro di sviluppo sostenibile e per promuovere un’immagine positiva. Le realtà calabresi hanno la forza e la qualità per porsi come partner competitive ed affidabili, ma per fare questo devono puntare sulle proprie eccellenze. Ecco perché – conclude – bisogna accorciare i tempi e mettersi subito in carreggiata per fare rete e sostenere una filiera agroalimentare viva ed originale”.

Contenuti correlati