Tallini si dimette da presidente del Consiglio regionale e dagli incarichi in Forza Italia

A darne notizia è il difensore dell'esponente di Forza Italia, l'avvocato Vincenzo Ioppoli

Il presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini, tratto in arresto mercoledì mattina perché accusato dei reati di concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio, ha fatto sapere che si dimette dalla carica di rappresentante apicale della massima Assemblea legislativa calabrese.

A darne notizia è il difensore dell’esponente di Forza Italia, l’avvocato Vincenzo Ioppoli, il quale ha reso noto di aver ricevuto la delega “a rassegnare formalmente le dimissioni dalla carica di Presidente del Consiglio regionale, non potendo una così alta carica istituzionale risultare appannata dall’indagine in corso. Il consigliere Tallini intende, altresì, dimettersi da Vice-coordinatore regionale e Coordinatore provinciale del Movimento Politico Forza Italia”. L’avocato, peraltro, annuncia che, “per rispetto della funzione del Giudice per le Indagini Preliminari che procederà nei prossimi giorni al suo interrogatorio di garanzia, ritiene di non dover rilasciare o anticipare alcuna dichiarazione né i contenuti degli argomenti difensivi che riferirà puntualmente al Giudice nella sede prevista”.

Contenuti correlati