Svolta nell’inchiesta sul bracciante ucciso a San Calogero: indagato un uomo del posto

C’è una svolta nell’inchiesta condotta dai Carabinieri della Compagnia di Tropea  coordinata dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia sull’assassinio di Soumayla Sacko, il maliano di 30 anni, barbaramente ucciso con una fucilata a San Calogero. I militari dell’Arma, infatti, si sono occupati della notifica, nei confronti di A.P., 43 anni, di un avviso apertura indagini sul suo conto. Sotto inchiesta, dunque, è una persona che vive nello stesso centro del

Vibonese in cui è avvenuto l’efferato delitto. Nello stesso tempo i magistrati hanno emesso un provvedimento relativo ad accertamenti tecnici non ripetibili, compreso lo “stub” che consentirà di appurare l’eventualità che l’indagato abbia esploso colpi di armi da fuoco.

 

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento