Sradicamento di macchia mediterranea e abusivismo edilizio: due sequestri dei Carabinieri Forestali

I due provvedimenti sono stati effettuati nei giorni scorsi

Nei giorni scorsi i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Scalea, nel Cosentino, hanno denunciato il proprietario di un terreno in località “Finieri” di Grisolia per deturpamento di beni ambientali e danneggiamento.

Durante un controllo la pattuglia ha notato in questa zona un terreno, circa un ettaro, oggetto di sradicamento di macchia mediterranea, corbezzolo, lentisco, erica e mirto, sradicati ed accumulati all’interno dello stesso terreno. Dagli accertamenti effettuati gli investigatori hanno rilevato che la zona è sottoposta a vincolo paesaggistico ambientale, vincolo sismico e zona di rispetto ferroviario e che il proprietario del terreno avrebbe effettuato tali lavori senza alcuna autorizzazione prevista.
Gli stessi militari della Stazione di Scalea Stazione sono intervenuti anche nella località “Arsieno” di Maierà, al fine di verificare le autorizzazioni per la realizzazione di una struttura adibita a ricovero di animali bovini. Dalla documentazione agli atti dell’ufficio tecnico comunale di Maierà e dalle verifiche effettuate hanno verificato che la struttura per ricovero di bovini, sarebbe stata realizzata in assenza del permesso di costruire in una zona sottoposta a vincolo idrogeologico e sismico. I Carabinieri, pertanto, hanno proceduto al sequestro del manufatto costituito da una struttura metallica posta su platea e muretto in calcestruzzo e alla denuncia del committente dei lavori nonché proprietario del terreno per aver realizzato gli stessi in assenza del permesso di costruire.

Contenuti correlati