Sorianello, violenta aggressione ai danni di un operaio argentino la notte di Natale: arrestati dai Carabinieri tre dei presunti responsabili

Erano le tre dello scorso Natale e in un bar di Soriano Calabro numerosi avventori festeggiavano scambiandosi gli auguri. Probabilmente a causa di un equivoco, facilitato dal consumo di alcolici, è nato un alterco per futili motivi fra un ragazzo del posto e un operaio di origine argentina. Lo straniero, che nella circostanza era accompagnato da un suo connazionale, è stato poi percosso per futili motivi. Vista la situazione e per evitare ulteriori conseguenze, l’amico ha portato il malcapitato fuori dal locale accompagnandolo a casa nel vicino comune di Sorianello.

Dopo circa quaranta minuti dall’aggressione si sono presentati all’abitazione del giovane argentino quattro soggetti che, dopo aver recuperato dal cortile dell’abitazione dei bastoni e un’ascia, hanno sfondato la porta di ingresso e, incuranti della presenza di una donna e di una minore, lo hanno picchiato selvaggiamente ferendolo ad un polpaccio con un colpo di pistola calibro 7,65. Nella successiva fuga sono stati esplosi contro l’abitazione ulteriori tre colpi dalla stessa arma, con il rischio di aggravare ulteriormente le conseguenze della violenta spedizione punitiva.

Immediate le indagini avviate dai Carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno, coordinati dal procuratore di Vibo Valentia Camillo Falvo e dal sostituto co-titolare del procedimento, che hanno raccolto sin da subito importanti elementi probatori riuscendo ad identificare tre dei presunti aggressori, i quali hanno anche agito a volto scoperto incuranti delle numerose telecamere di videosorveglianza, grazie alle quali è stato anche possibile accertare come il gruppo, all’atto dell’aggressione, fosse già in possesso dell’arma.

La gravità della condotta, la disponibilità dell’arma, la personalità dei soggetti coinvolti e le incontrovertibili fonti di prova raccolte dagli inquirenti hanno costituito la base per la richiesta di misura cautelare avanzata dalla Procura di Vibo Valentia e che il Giudice per le indagini preliminari ha accolto pienamente disponendo per tutti la custodia cautelare in carcere. Sono in corso indagini per identificare il quarto complice.

L’ordinanza è stata eseguita durante la notte da un imponente dispositivo composto da oltre cento carabinieri del comando provinciale di Vibo Valentia, dello Squadrone Cacciatori di Calabria e del Nucleo Cinofili, con la copertura aerea fornita dall’elicottero dell’Arma.

I tre arrestati, per i quali vige il principio di presunzione di innocenza, sono stati tradotti al carcere di Vibo Valentia a disposizione dell’Autorità giudiziaria, a cui dovranno rispondere in concorso tra loro per i reati di lesioni personali aggravate, porto ed esplosione di colpi d’arma da fuoco, violazione di domicilio e di danneggiamento.

Contenuti correlati