“Serreinfestival”, l’impegno dell’assessore Rizzo: “Più contributi ordinari al Parco delle Serre”

“Dal prossimo anno sarà concesso un contributo ordinario più consistente al Parco delle Serre” perché “questo territorio merita di essere valorizzato”.

È l’impegno preso dall’assessore regionale all’Ambiente Antonella Rizzo nel corso del dibattito “L’Appennino calabrese: una risorsa da mettere a valore”, svolto presso il vivaio “Rosarella” e condotto dal direttore de “Il Meridio” e giornalista de “Il Quotidiano del Sud” Biagio La Rizza.
L’assessore, che si è concentrata sulla necessità di “fare rete” consentendo la fruizione delle bellezze e delle risorse calabresi, ha spiegato di aver trovato “Parchi che in Calabria lavorano in modo isolato” e che adesso “concretizzano una strategia comune”. Riprova di questo approccio sarebbero “la ciclovia che tocca tutti i Parchi” ed il Sentiero Italia – Calabria.
In precedenza, il vicesindaco di Serra San Bruno Valeria Giancotti aveva auspicato una maggiore collaborazione fra Enti e lanciato l’idea di un Museo delle eccellenze locali. Idea che ha trovato sponda nelle considerazioni della presidente della delegazione Fai per la provincia di Catanzaro Gloria Samà che ha raccontato esempi di successo di promozione territoriale.
Sulle ristrettezze in termini di risorse finanziarie e di pianta organica si è concentrato il direttore del Parco delle Serre Francesco Pititto che ha evidenziato la partecipazione a diversi bandi per intercettare fondi comunitari. Il commissario dell’Ente di tutela ambientale Pino Pellegrino, riassumendo i progetti già in campo ed esponendo le prospettive per il futuro, ha rilevato la necessità di restringere i tempi di attuazione. Ha inoltre ribadito di non accettare un’eventuale conferma in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi.
“Questo festival – ha commentato il presidente dell’associazione ‘Condivisioni’ ed ex deputato Bruno Censore – vuole allargare gli orizzonti e proporre un vero confronto. Non è un festival di partito, ma appartiene a tutti”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento