Serra, un gruppo di ex Lsu/Lpu richiama Tassone: “Non vogliamo essere utilizzati per strumentalizzazioni politiche”

“Da oltre tre lustri lavoriamo con il massimo impegno, portando avanti servizi essenziali. Spesso abbiamo avuto tanti doveri e pochi diritti. Per questo e per una questione di dignità personale non vogliamo essere tirati in ballo né usati per strumentalizzazioni politiche”.

Un gruppo di ex Lsu/Lpu non ha gradito la nota del consigliere regionale Luigi Tassone che invitava l’Amministrazione comunale di Serra San Bruni ad attivarsi per far concretizzare il trasferimento di risorse e ha deciso di reagire pubblicamente. “In generale – sostengono questi lavoratori – la nostra categoria è stata usata dalle classi dirigenti di ogni livello senza differenze di colore politico. Di questo siamo stufi. A Natale scorso siamo rimasti senza stipendio, eppure chi oggi parla allora è stato zitto. Tante volte ci sono stati ritardi nei pagamenti, certamente per responsabilità non imputabili a noi. Abbiamo combattuto con una situazione d’incertezza divenuta cronica e, a tutt’oggi, non c’è ancora una soluzione nonostante la delibera di avvio dell’iter di stabilizzazione. Quindi – concludono – ci lascino in pace e non ci mettano in mezzo a scontri politici che non ci riguardano”.

Contenuti correlati