Serra. Tassone stoppa Rosi: “Inconcludente e pretestuoso, dà l’idea di una politica degradata”

Il Comune di Serra San Bruno

“L’assenza di argomenti e l’atteggiamento pretestuoso hanno spinto l’ex sindaco Bruno Rosi ad abbassare ulteriormente il livello del dibattito sconfinando in una terminologia che, se estrapolata dal contesto di origine ed iniettata nella trattazione di argomenti di estrema importanza nell’attualità, rischia di dare un’immagine distorta e degradata della politica e di generare inutili tensioni”.

Il capo dell’Esecutivo Luigi Tassone risponde all’esponente di Fratelli d’Italia passando all’attacco e criticando chi “continua a mantenere comportamenti irresponsabili”. “Preliminarmente – sostiene Tassone – mi preme ribadire, ancora una volta, che l’Amministrazione comunale intende controllare ogni sviluppo delle questioni che interessano la collettività ed adoperarsi prontamente per adottare, nel rispetto della legge, tutte le azioni che rientrano nelle proprie competenze. Quanto all’Ufficio Inps, devo ricordare a Rosi che, sebbene avesse espresso l’iniziale volontà di fornire degli spazi, poi ha provveduto ad individuare dei locali inidonei. Come si evince dalla delibera del 18 maggio 2016, a mettere a disposizione i locali rispondenti ai requisiti è stato il commissario prefettizio e ciò la dice lunga sul modo di approcciarsi ai problemi di chi mi ha preceduto. Preciso infine – conclude Tassone – che, diversamente da altri che trovavano il tempo per fare di tutto, dovendo svolgere il ruolo di sindaco a tempo pieno e non a tempo perso, non risponderò ad ulteriori provocazioni e strumentalizzazioni: è mio dovere dedicare idee ed energie alla comunità e non sprecarle in discussioni inconcludenti”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento