Serra, stabilizzati 14 ex Lsu. Federico: “Ora ci batteremo per un’integrazione oraria, saremo vicini agli ex Lpu”

Il tortuoso cammino degli ex Lsu di Serra San Bruno è giunto ad uno snodo essenziale. Considerate le difficoltà finanziarie e la procedura di riequilibrio finanziario in essere, Ia Giunta comunale ha cercato di dare un punto fermo a 14 lavoratori (ed alle loro famiglie) che da 23 anni vivono sull’onda dell’ansia e dell’incertezza, andando avanti di proroga in proroga. Sacrifici e dubbi che rischiavano addirittura di ingigantirsi negli ultimi tempi perché con il ridursi del bacino del precariato a livello regionale quella che è stata la forza contrattuale è andata scemando. Dopo i colloqui d’idoneità di dicembre, l’ultimo passo è stato compiuto oggi con la deliberazione dell’Esecutivo con la quale è stata autorizzata la stabilizzazione mediante la stipula di un contratto a tempo indeterminato e part-time (12 ore settimanali). 

“Dopo oltre venti anni di precariato – ha affermato il vicesindaco Rosanna Federico, che ha la delega al Personale –  da domani i nostri ex Lsu avranno finalmente un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Avremmo voluto fare di più per loro in termini di orario di lavoro, ma i vincoli del riequilibrio non ce lo hanno consentito. Così come avremmo voluto festeggiare lo stesso traguardo anche con i nostri preziosi ex Lpu per i quali, purtroppo, è stata negata dalla Cosfel (Commissione che autorizza le assunzioni per gli Enti in predissesto ed in dissesto), la possibilità di assunzione in deroga. Già da domani – ha aggiunto – ci attiveremo per arrivare ad un’integrazione oraria per gli stabilizzati ed alla contrattualizzazione definitiva per chi, invece, non ha avuto questa opportunità. Agli ex Lsu – ha concluso – porgiamo dunque i nostri auguri per questo nuovo inizio, mentre agli ex Lpu garantiamo la nostra vicinanza e il nostro impegno affinché, dopo questa ulteriore proroga, possano finalmente trovare la tanto meritata stabilità”. 

Contenuti correlati