Serra, s’insedia il nuovo Consiglio comunale. Barillari: “Parte l’epoca del cambiamento”

Fila via liscio il primo Consiglio comunale dell’epoca di “Liberamente”. In una sala Chimirri che accoglie l’entusiasta popolo che ha scelto la discontinuità ed il “cambiamento”, parte la stagione dell’azzeramento degli equilibri: la fase che ha coinvolto un intervallo temporale lungo almeno un ventennio è definitivamente chiusa, i vecchi leader vanno in soffitta, praterie politiche (o meglio civiche) nuove si aprono nell’attesa di essere occupate da (in parte) inediti protagonisti.

Dopo l’esame delle condizioni di eleggibilità e incompatibilità, la convalida degli eletti ed il giuramento del sindaco Alfredo Barillari, lo stesso primo cittadino ha indicato la Giunta che sarà composta da Rosanna Federico (vicesindaco), Raffaela Ariganello, Giuseppe Antonio Zaffino e Carmine Franzè (le deleghe sarà attribuite successivamente). 

Il Consiglio comunale ha inoltre eletto la Commissione elettorale (titolari: Antonio Procopio, Sabina Maiolo e Salvatore Zaffino; supplenti: Raffaela Ariganello, Raffaele Pisani e Biagio Figliucci) e la Commissione per la formazione degli elenchi dei giudici popolari (che sarà costituita da Daniele Galeano e Vito Regio).

Il sindaco ha voluto ringraziare la popolazione che “ha vissuto un momento importante della vita democratica, quale quello delle elezioni amministrative” e ha rimarcato che “questo Consiglio è un punto d’inizio che la mia squadra incarna”. Barillari ha affermato di sentire “l’onore e l’onere di questa carica” precisando che “a noi sta il compito di portare avanti le linee programmatiche per ridare a Serra San Bruno la centralità che merita”. “Va sviluppata – ha aggiunto – una politica sana che non scada e non vada oltre i temi riguardanti la nostra cittadina”.

Con “orgoglio, senso di responsabilità e consapevole delle aspettative che la comunità ripone in me”, il vicesindaco Federico ha accettato il nuovo compito chiedendo “collaborazione” alla popolazione e all’opposizione e sostenendo che “saremo l’Amministrazione di tutti perché vogliamo essere un’Amministrazione diversa, che guarda alle persone nel segno del rispetto sociale”. 

Le minoranze hanno riconosciuto la sconfitta e augurato buon lavoro ai vincitori, con il consigliere di “Uniti per Serra” Antonio Procopio che, dopo aver rilevato che “la campagna elettorale è finita e ora bisogna passare dalle parole ai fatti”, ha promesso “un’opposizione costruttiva, anche dura, ma sempre nell’interesse dei serresi”. Sulla stessa lunghezza d’onda Luigi Tassone che ha rivolto un particolare pensiero alle forze dell’ordine ed ai commissari che “hanno guidato il Comune nella difficile fase del Covid” e ha puntualizzato che “laddove il mio ruolo di consigliere regionale possa servire alla nostra cittadina a fare passi in avanti, certamente non esiterò ad agire”. Infine, il consigliere di “Per Serra insieme” Biagio Figliucci ha dichiarato di voler realizzare “un’opposizione attiva e costruttiva” con particolare attenzione “agli aspetti di trasparenza, legalità, educazione e rispetto”.

Contenuti correlati