Serra San Bruno, nuovi tentativi di truffa agli anziani

Telefonano agli anziani presentandosi come Carabinieri, incutendo timore e generando confusione perché descrivono presunti incidenti mortali causati dai figli delle potenziali vittime della truffa. Fanno temere conseguenze penali, fanno nomi di avvocati, indicano gravi e imminenti problemi di ordine legale. Così, l’anziano – impaurito e smarrito – perde lucidità e cede mentalmente di fronte alle nefaste prospettive dell’interlocutore telefonico che, per rendere più credibili le proprie affermazioni, fa ascoltare pianti disperati creando un contesto di tensione e preoccupazione. 

Dopo i raggiri attuati nei mesi scorsi, sono ancora in azione i truffatori che svaligiano le case dei più deboli ed indifesi per poi dileguarsi. Negli ultimi giorni, si sono registrati nuovi approcci dei truffatori verso gli anziani, che però hanno aumentato la loro diffidenza verso voci e facce estranee. Di questa situazione sono informati i Carabinieri (quelli veri) della Compagnia di Serra San Bruno, che – sempre disponibili nei confronti della popolazione – vigilano per sventare i deprecabili tentativi. È necessario comunque che chi riceve chiamate inusuali stia in guardia, non dia notizie sulla propria persona e sulla propria famiglia e contatti immediatamente le Forze dell’ordine raccontando ogni dettaglio utile. 

Ad ogni modo, va specificato che i Carabinieri (quelli reali) agiscono secondo modalità precise che è bene rendere note: si presentano rigorosamente in divisa (mai “in borghese”) e con l’auto di servizio, se chiamano invitano a recarsi presso la locale Stazioni, non danno nomi di avvocati e non intimoriscono. I Carabinieri sono a disposizione dei cittadini e lavorano costantemente per la loro sicurezza rassicurando e sostenendo gli anziani.

Contenuti correlati