Serra. Partono i lavori per la scuola “Azaria Tedeschi”, Tassone: “La sicurezza dei bambini al primo posto, intervento indifferibile”

Partiranno i primi di settembre i lavori di messa in sicurezza del plesso scolastico “Azaria Tedeschi”, che saranno realizzati grazie ad un finanziamento di oltre 400mila euro. A spiegare i dettagli dell’operazione è il sindaco Luigi Tassone che precisa che “i lavori – che si sono resi necessari a seguito di uno studio strutturale che ha compreso anche operazioni di carotaggio – saranno di tipo invasivo riguardando anche l’irrobustimento dei pilastri e delle pareti murarie, il rifacimento dell’intonaco e la tinteggiatura. Sarà inoltre rivisto l’impianto termico, fatto il cappotto e la riqualificazione esterna con campetto sportivo polivalente”.

“L’intervento – rileva Tassone – è a livello strutturale e sismico e consente di garantire la sicurezza ai nostri bambini, che è la nostra vera priorità. Avevamo inviato tutto alla Suap a febbraio per tentare di iniziare i lavori nel mese di luglio, ma per motivi interni la Suap non ha potuto procedere con l’espletamento delle procedure relative alla gara. La durata dei lavori sarebbe stata di 6 mesi, ma abbiamo tempestivamente interloquito con la ditta incaricata concordando turni di lavoro fino a tarda sera, anche di sabato. In questo modo abbiamo notevolmente accorciato i tempi per rendere fruibili le aule da fine novembre”.
“D’intesa con il dirigente scolastico – aggiunge il primo cittadino – abbiamo deciso di far svolgere le lezioni degli alunni della scuola elementare nel plesso ‘Nazzareno Carchidi’ con alternanza mensile mattina-pomeriggio con gli studenti di Spinetto. I bambini della scuola per l’infanzia potranno fare lezione nel plesso ‘Assuero Barillari’. Abbiamo cercato di minimizzare i disagi, consapevoli che l’intervento era necessario e che un eventuale differimento avrebbe comportato la perdita dei fondi”.
“Al termine dei lavori – conclude Tassone – avremo una scuola sicura, all’avanguardia, nella quale le attività didattiche potranno avere luogo nella piena efficienza della struttura. Al mondo della scuola e alle famiglie chiediamo una fattiva collaborazione, in modo da raggiungere l’interesse comune che, va ribadito, è la sicurezza dei bambini e di tenere lontani i poco lungimiranti tentativi di polemiche strumentali”.

Contenuti correlati