Serra. Ospedale, Tassone: “Arrivano segnali di rilancio, presto altri 30 posti letto, un nuovo ecografo e l’automedica”

Il sindaco ha incontrato il management dell’Asp di Vibo

L'ospedale di Serra San Bruno

Il sindaco di Serra San Bruno, Luigi Tassone, ha incontrato il management dell’Asp di Vibo Valentia, guidato dal dg Angela Caligiuri, affrontando “criticità e problemi dell’ospedale ‘San Bruno’ e diversi aspetti dell’offerta dei servizi territoriali”.

Le principali novità riguardano l’approvazione dei progetti esecutivi dei reparti di Lungodegenza e Riabilitazione relativamente ai quali nei prossimi giorni ci sarà la gara d’appalto. “Il nostro ospedale – ha affermato il primo cittadino – sarà il punto di riferimento provinciale di questo settore e disporrà di 10 posti letto di Lungodegenza e 20 di Riabilitazione, oltre ad una palestra attrezzata. Quindi 30 nuovi posti letto per il nostro nosocomio che andranno ad ampliare i servizi e che ribadiscono con forza che il nostro ospedale può e deve svolgere un ruolo fondamentale per la tutela della salute per una vasta area territoriale”. Tassone ha dato notizia della predisposizione dell’acquisto di “un ecografo all’avanguardia per il potenziamento del reparto di Medicina” e ha precisato che nell’incontro è stata analizzata in maniera approfondita la situazione del 118. “Ho avuto conferma – ha sostenuto Tassone – che, a breve, un’automedica 4×4, dunque appropriata per le zone montane, sarà messa a disposizione dell’ospedale con una propria equipe medica e che sarà pronta ad intervenire nel caso l’ambulanza fosse impegnata”. “Possiamo dire – ha commentato Tassone – che abbiamo posto rimedio a gravi lacune. Pur nella consapevolezza che il lavoro da compiere è ancora lungo e impegnativo e che servirà tenere alta l’attenzione e vigilare affinché ogni procedura e ogni azione siano eseguite celermente, riscontriamo segnali che vanno nella giusta direzione nel processo di salvaguardia e potenziamento del nostro ospedale, che è un baluardo essenziale per la difesa del diritto alla salute”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento