Serra. Lega: “Attivare il servizio pomeridiano dell’Ufficio postale”

Attivare il servizio pomeridiano dell’Ufficio postale, in considerazione anche del fatto che nei paesi limitrofi gli Uffici postali sono aperti a giorni alterni. È la richiesta del coordinatore della Lega di Serra San Bruno, Nicola Tassone, che segnala alla Direzione regionale di Poste Italiane l’importanza della Città della Certosa.

“Serra San Bruno – scrive Tassone – è un comune di circa 7000 abitanti, che unitamente a quelli dei comuni ricadenti nell’area montana delle Serre calabre, raggiunge il ragguardevole numero di circa 20.000 persone. Il territorio ormai da anni registra la presenza di numerosissime attività commerciali ed artigianali, è considerevole il numero delle attività turistico-alberghiere, numerosi sono gli uffici pubblici e scuole di primo e secondo grado.
Non solo a Serra San Bruno – prosegue – ma in molti dei comuni confinanti si sta sempre di più consolidando il commercio con numerosi grandi supermercati di fama nazionale, vi è la presenza di industrie per l’imbottigliamento delle acque minerali di prestigio. Da non dimenticare la presenza di numerosi uffici pubblici, la Compagnia dei Carabinieri, il Commissariato di Polizia, il Distaccamento dei Vigili del Fuoco, l’ospedale ed il Distretto sanitario”. Tassone rileva poi che il principale centro montano del Vibonese “fa registrare una presenza di turisti incalcolabile, specialmente durante il periodo estivo”.
“È innegabile – conclude – che lo svolgimento di tutte queste attività e la presenza di un turismo non più fluttuante ma stazionario in diversi mesi dell’anno, metta in risalto le criticità del locale Ufficio postale, stante appunto l’afflusso eccezionale di clienti”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento