Serra. La scuola approfondisce la creatività di Leonardo Da Vinci: FOTO

Prendere a modello la creatività di uno dei più grandi geni di tutti i tempi nel 500° anniversario della sua morte. È stato questo il fine della terza giornata del “Maggio dei Libri” promossa dall’Istituto comprensivo “Azaria Tedeschi” in collaborazione con l’Amministrazione comunale ed incentrata su un laboratorio didattico ed una mostra dedicati a Leonardo da Vinci.

Dopo l’introduzione del dirigente scolastico Giovanni Valenzisi e della presidente del Consiglio comunale Maria Rosaria Franzè, le docenti Gilda Carnovale (scuola elementare “Nazzareno Carchidi”), Adele La Rizza e Adele Loriggio (scuola elementare “Azaria Tedeschi”) hanno illustrato le attività svolte dagli alunni. Nello specifico, oltre ad un silent book (con protagonista “Duccio il bassotto” e caratterizzato da numerosi disegni) ed alle letture ad alta voce concernenti la storia e le opere di Leonardo, sono stati realizzate delle riproduzioni delle invenzioni del poliedrico artista. Ad arricchire la manifestazione ci sono state poesie e filastrocche, riflessioni sull’importanza dei libri e dipinti. Particolare spazio è stato riservato alla scrittura speculare, alle sperimentazioni ed alle specificità della Gioconda. Infine l’esperto Marco Primerano ha concentrato la sua attenzione sull’affresco parietale “L’ultima cena”, conservato nell’ex-refettorio del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano e già sottoposto ad un restauro ventennale, e sulle “tracce” di Leonardo a Serra San Bruno: la riproduzione del Cenacolo risalente al 1866 nella chiesa di Spinetto ed il disegno della facciata della chiesa conventuale della Certosa, distrutta dal terremoto del 1783.

Contenuti correlati