Serra, igiene e pubblica incolumità: ordinanza del commissario

Il commissario del Comune di Serra San Bruno, Salvatore Guerra, ha emesso un nuovo atto per ordinare quanto segue:

ai proprietari di terreni e ai conduttori di terreni agricoli e non, prospicienti le pubbliche strade o siti in prossimità di boschi o di aree del Demanio Forestale, la rimozione di ogni elemento e condizione che possa rappresentare pericolo per l’igiene e la pubblica incolumità, in particolare estirpando ed eliminando sterpaglie, cespugli e qualsiasi altro materiale considerato combustibile.
In particolare si ordina:

  • a tutti i proprietari di terreni prossimi alla pubbliche vie, allo scopo di impedire che nei terreni adiacenti le strade pubbliche di questa provincia si propaghino incendi, di tenere sgombri i loro terreni fino a 20 metri dal confine stradale, da covoni in grano, erbe secche e da ogni altra materia combustibile;
  • ai proprietari ed affittuari di terreni coltivati a cereali, di circoscrivere l’intero fondo, appena mietuto, con una striscia di terreno solcato dall’aratro e completamente scevra di stoppie, larga non meno di
    quattro metri, zona che dovrà essere costantemente tenuta priva da seccume vegetale e da qualsiasi altra materia facilmente infiammabile;
  • alle stesse misure sono obbligati i proprietari ed affittuari di terreni incolti e tenuti a pascolo, o terreni boschivi, lungo le pubbliche strade, non appena, per l’inoltrarsi della stagione, le erbe e gli sterpi, si
    vanno seccando. I proprietari ed i possessori a qualsiasi titolo di terreni saranno ritenuti responsabili dei danni che si
    verificassero per la loro negligenza o per inosservanza delle ordinanze sindacali, salvo sempre le altre comminatorie prescritte dalle vigenti leggi.
    B) all’Ufficio Tecnico Comunale, viene ordinato di procedere analogamente in ordine alle strade comunali.

Contenuti correlati