Serra. I Carabinieri incontrano gli studenti dell’Istituto “Einaudi”: lezione di legalità e vivere civile

Fornire le conoscenze idonee a scegliere la strada della legalità, incanalando nel giusto percorso le nuove generazioni. È stato questo il senso dell’iniziativa svoltasi nell’Aula Magna dell’Istituto d’Istruzione superiore “Luigi Einaudi”. L’incontro è stato aperto dal comandante della Compagnia dei Carabinieri di Serra San Bruno Marco Di Caprio che, dopo aver dato la misura dell’area di competenza (10 Stazioni nel territorio che si estende da Polia a Dinami e da Soriano a Nardodipace), ha spiegato i compiti che vanno dall’affrontare gli episodi di microcriminalità al fronteggiare, al primo livello, la macrocriminalità. “Questo territorio – ha affermato il tenente Di Caprio – è permeato dalla ‘ndrangheta, un’organizzazione di tipo criminale tradizionale che si basa su riti di affiliazione e codici interni e che cerca di tenere sotto controllo il territorio. I Carabinieri sono rappresentanti dello Stato e vigilano sulle leggi dello Stato, ma la guerra alla ‘ndrangheta deve essere condotta da tutti”. In generale, i Carabinieri devono “attivare comportamenti e svolgere mansioni che portano il cittadino a vivere in maniera civile e legale” e ciò si traduce in un’azione preventiva del controllo del territorio (servizi perlustrativi, controlli su strada, certificazione di relazioni interpersonali, acquisizione di informazioni su elementi e soggetti) e in un’azione repressiva. Di Caprio si è poi soffermato sul contrasto ai reati relativi alla droga (scoperte 30 piantagioni di marijuana nell’ultimo anno nel Vibonese e 9 nel territorio di competenza) ed ai reati concernenti il possesso illecito di armi.
Il capitano del Gruppo Forestale di Vibo Valentia Pietro Guerrera ha illustrato il processo scaturito dal decreto legge 177/2016 che ha stabilito il transito del Corpo forestale all’Arma dei Carabinieri, delineando l’articolazione del settore. “Ci occupiamo – ha sottolineato- di tutela dell’ambiente, del paesaggio agroalimentare e della biodiversità. L’ambiente è tutto ciò che sta intorno a noi e il nostro ruolo è quello di vigilare sulla salute della nostra comunità”.
Il dirigente scolastico Tonino Ceravolo ha infine rilevato la valenza di questo “momento di formazione” che “apre una finestra sul mondo della salvaguardia della legalità”.
Presenti all’evento anche il comandante della Stazione di Serra San Bruno Domenico Giuseppe Grillo ed il maresciallo maggiore Antonio Napoli.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento