Serra, gli amministratori pronti alle dimissioni: “Un atto di amore per la città, siamo pronti a vincere ancora”

“Abbiamo atteso la proclamazione del consigliere regionale Luigi Tassone per fare ed esplicitare il punto di una situazione delicata che impone di assumere decisioni di responsabilità che riguardano la vita della nostra comunità”. È quanto affermano i componenti dell’Amministrazione comunale che mirano “ad informare tutti i cittadini e a fare chiarezza sul futuro dell’Ente”.

“Riteniamo che ogni Comune, ed in particolar modo un Comune come quello di Serra San Bruno che è il centro di riferimento del comprensorio montano e che vanta una storia millenaria – sostengono gli amministratori – vada gestito dai rappresentanti del popolo che conoscono, amano e vivono il territorio giorno per giorno, approfondendo i punti di forza e le criticità. Chi amministra deve guardare al futuro della collettività di appartenenza, senza aver l’obiettivo di governare a tutti i costi o, peggio ancora, l’ossessione di ottenere o mantenere il potere. Chi amministra deve lavorare nell’interesse del popolo, non con l’interesse politico da raggiungere con la denigrazione dell’avversario. Questo è il nostro modo di pensare”.

In considerazione di questi argomenti, gli amministratori spiegano di aver deciso “in maniera unitaria ed in piena condivisione di rassegnare le dimissioni”.

“Domani – precisano – ci recheremo al protocollo dell’Ente alle 10 per rassegnare le dimissioni necessarie per avviare le procedure di scioglimento del Consiglio comunale e consentire lo svolgimento delle elezioni comunali nella primavera che sta per arrivare. A tal fine è indispensabile che almeno un componente della minoranza rassegni, contemporaneamente alle nostre, le proprie dimissioni. Li invitiamo, pertanto, ad essere conseguenti rispetto a quanto annunciato pubblicamente”.

“La nostra squadra – aggiungono – si presenterà compatta alle prossime elezioni per sottoporsi al giudizio popolare e per illustrare gli obiettivi raggiunti con questo percorso amministrativo, ultimo dei quali, in ordine temporale e non per ordine di importanza, la stabilizzazione di 52 ex Lsu/Lpu. Il nostro è stato un lavoro impegnativo, difficile, ma appassionante ed ha consentito a Serra di riconquistare lustro e centralità. Siamo convinti – concludono – che i serresi abbiamo compreso gli effetti positivi per il presente e per il futuro realizzati grazie ad una squadra seria, competente, organizzata e con unità di vedute, e non certo occasionale o frutto di aggregazioni improvvisate. Una squadra che è pronta ad affrontare una nuova sfida e che convinta, anche alla luce del recente successo elettorale, di vincere ancora, forte di un consenso popolare dimostrato quotidianamente”.

Contenuti correlati