Serra. Finestra aperta sul precipizio per l’Amministrazione: cosa può accadere

Lo si era capito subito che la decisione di uscire dal Pd, a pochi giorni dalle primarie, da parte di Walter Lagrotteria, Valeria Giancotti e Brunella Albano avrebbe avuto serie ripercussioni sotto il profilo amministrativo e politico.

L’azione, per la sua tempistica, si è tradotta sotto il primo profilo nell’aleatorietà assoluta del destino del sindaco Luigi Tassone, sotto il secondo nell’indebolimento dell’immagine di Bruno Censore. I due – Censore e Tassone – avevano a disposizione l’opzione di prendere tempo, tirare a campare, “subire” il nuovo gruppo. Hanno invece scelto la guerra aperta: “vita o morte – avranno pensato – devono dipendere da noi, non da strategie esterne”. Cosa sia successo nelle ultime ore e cosa abbia determinato la strada più tragica (politicamente e amministrativamente parlando) non è dato sapere.
Chi mastica di politica sa che il documento dei consiglieri comunali non può essere stato prodotto senza autorizzazioni o, ancora meglio, su specifica indicazione dall’alto. Insomma, Censore vuole conoscere subito quale sarà il futuro: non può permettersi di arrivare alla vigilia delle elezioni regionali (o delle eventuali politiche) in condizioni di debolezza e con polemiche quotidiane. E Tassone, memore di quanto accaduto al suo predecessore, non può permettersi di galleggiare.
Mettere alla porta – perché a questo punto il primo cittadino non può non azzerare la Giunta – i tre dissidenti corrisponde però all’affacciarsi su una finestra aperta nel vuoto di un precipizio.
Tassone deve trovare rapidamente una quadra, ma le vie non sono infinite: individuare un improbabilissimo nuovo equilibrio interno (5 consiglieri non bastano per andare avanti), andare alle urne o costruire, in nome “dell’interesse collettivo”, una soluzione. Quest’ultimo caso, però, comporta una tutt’altro che semplice revisione della linea politico-amministrativa.
Dunque, Serra si prepara, indipendentemente da ciò che accadrà, a vivere una nuova fase. Destinata a segnare la storia della città della Certosa.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento