Serra. Camera mortuaria “insufficiente”, morti nel corridoio

L'ospedale di Serra San Bruno

Diventa sempre più infuocato il dibattito nella cittadina della Certosa in riferimento alla “non adeguatezza” della camera mortuaria posta al piano terra dell’ospedale “San Bruno”. Sono diverse le persone che lamentano la situazione che si è verificata negli ultimi giorni: quattro persone decedute dovevano essere disposte nell’obitorio, ma le ridotte dimensioni dello stesso hanno impedito che ciò accadesse. È stato quindi necessario, a causa dello scarso spazio a disposizione, disporre due morti nell’adiacente corridoio. La circostanza ha peraltro reso il luogo affollato, visto che i cari delle persone decedute sono giustamente giunti all’ospedale per essere vicini per l’ultima volta ai loro congiunti. Il momento, già delicato, è divenuto così ulteriormente complesso da gestire.
Non si tratta comunque del primo episodio di questo genere e ciò è alla base della richiesta di intervenire per evitare nuovi disguidi.

Appositamente interpellata, la Direzione medica del presidio ha specificato di aver provveduto a formulare un ulteriore sollecito all’Asp di Vibo Valentia in riferimento all’emergenza riguardante “la ristrutturazione della sala mortuaria”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento