Serra. Avviso per 4 posti di istruttore di vigilanza: I DETTAGLI

L’avviso di selezione pubblica per la copertura di 4 posti di istruttore di vigilanza (agente di polizia municipale), mediante rapporto di lavoro a tempo indeterminato e part-time (12 ore settimanali), categoria C, posizione economica C1”, approvato con determinazione n. 25 del 01/03/2018, oltre a suscitare polemiche, ha destato l’interesse di diversi cittadini. Vediamo allora i dettagli.

Innanzitutto per poter partecipare bisogna avere una serie di requisiti, tipici dei bandi pubblici, ed occorre essere in possesso di un diploma di istruzione secondaria di secondo livello (diploma quinquennale di scuola media superiore).
Si tratta di un “concorso pubblico per titoli ed esami” che prevede un esame articolato in due prove scritte, una delle quali pratica o/a contenuto teorico-pratico, ed una prova orale.

Le prove scritte verteranno su argomenti di cultura generale e/o inerenti diverse materie. In particolare, la prima prova scritta, a contenuto teorico, consisterà in risposte a quesiti o elaborati sintetici e verterà su: Ordinamento degli Enti Locali (D. Lgs. 267/2000); Nozioni di diritto amministrativo anche con riferimento alla Legge sul procedimento amministrativo (Legge n. 241/1990); Nozioni di diritto costituzionale; Nozioni di diritto civile; Codice di Procedura Penale in relazione all’attività di Polizia Giudiziaria e nozioni di Codice Penale; Legge 24.11.1981, n. 689 concernente le modifiche al sistema penale; Nozioni di diritto tributario; Norme sull’Ordinamento del lavoro alle dipendenze delle P.A. (D. Lgs. 165/2001) e sul Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013); Legge 65/86 “legge quadro sull’ordinamento della Polizia Municipale” e legislazione regionale in materia; Codice della strada e Regolamento di esecuzione. La seconda prova scritta, a contenuto teorico-pratico, verterà su: Codice della strada e Regolamento di esecuzione; Legislazione statale e regionale in materia di commercio in sede fissa e aree pubbliche, di edilizia pubblica e privata, in materia ambientale, e relativa attività di controllo e sanzionatoria da parte della Polizia Municipale; Nozioni di infortunistica stradale con tecniche di rilevazione degli incidenti; Ordinanze e regolamenti comunali; Conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse.

La prova orale prevede un colloquio che verterà su: Ordinamento degli Enti Locali (D. Lgs. 267/2000); Nozioni di diritto amministrativo anche con riferimento alla Legge sul procedimento amministrativo (Legge n. 241/1990); Nozioni di diritto costituzionale; Nozioni di diritto civile; Codice di Procedura Penale in relazione all’attività di Polizia Giudiziaria e nozioni di Codice Penale; Legge 24.11.1981, n. 689 concernente le modifiche al sistema penale; Nozioni di diritto tributario; Norme sull’Ordinamento del lavoro alle dipendenze delle P.A. (D. Lgs. 165/2001) e sul Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR n. 62/2013); Legge 65/86 “legge quadro sull’ordinamento della Polizia Municipale” e legislazione regionale in materia; Codice della strada e Regolamento di esecuzione; Legislazione statale e regionale in materia di commercio in sede fissa e aree pubbliche, di edilizia pubblica e privata, in materia ambientale, e relativa attività di controllo e sanzionatoria da parte della Polizia Municipale Nozioni di infortunistica stradale con tecniche di rilevazione degli incidenti; Ordinanze e regolamenti comunali; Conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse. Ai sensi dell’art. 37 del D.Lgs. del 30.03.2001 n. 165, la prova orale sarà altresì diretta ad accertare l’adeguata conoscenza della lingua straniera scelta dal candidato, nonché ad accertare il grado di conoscenza circa l’uso del Personal Computer con sistema operativo Windows XP o successivo e della suite di applicazioni per ufficio Microsoft Office nella versione 2000 o successiva, anche attraverso il diretto utilizzo, in sede di prova orale, di apposita apparecchiatura hardware e software.

La Commissione giudicatrice disporrà, complessivamente, del seguente punteggio: 10 punti per la valutazione titoli e 30 punti per la valutazione di ciascuna delle due prove scritte ed altrettanti per quella orale. Conseguiranno l’ammissione alla prova orale i candidati che abbiano riportato in ciascuna prova scritta almeno 21/30.

Ai fini della valutazione, i titoli saranno suddivisi in quattro categorie ed i complessivi 10 punti ad essi riservati sono cosi ripartiti: I^ Categoria (Titoli di studio) punti 4; II^ Categoria (Titoli di servizio) punti 4; III^ Categoria (Titoli vari) punti 1,5; IV^ Categoria (Curriculum formativo e professionale) punti 0,5.

L’assunzione in servizio è, comunque, subordinata alle disponibilità finanziarie ed alle disposizioni sul personale vigenti per gli Enti Locali, derivanti da norme di coordinamento di finanza pubblica e dai relativi orientamenti di attuazione, nonché ai posti conferibili al momento della nomina stessa.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento