Serra. Appello del sindaco Tassone: “I responsabili costruiscano il cammino di Serra”

“La stella polare che deve guidare l’azione di ogni amministratore è rappresentata dall’interesse supremo della comunità: un bene irrinunciabile al cospetto del quale singole prospettive perdono di importanza e significato, che richiede passione, impegno e determinazione. È inoltre necessario avere un rapporto chiaro con la comunità, spiegando passo passo ciò che accade e perché accade”. Comincia così l’appello che il sindaco Luigi Tassone lancia per costruire un nuovo percorso per Serra San Bruno. Non un patto di desistenza, ma un’unione di energie per affrontare le difficoltà storiche del territorio e capace di far guardare ad orizzonti positivi.

“La mia decisione di candidarmi a sindaco – premette Tassone – è nata dalla volontà di lavorare per il mio popolo, rendendolo partecipe di un progetto finalizzato allo sviluppo. La realizzazione di questo progetto ha però incontrato ostacoli, sempre più asfissianti, in termini di agibilità amministrativa: ecco perché ho deciso di accettare l’invito dei consiglieri di maggioranza di azzerare la Giunta e di verificare la possibilità di lavorare in maniera efficace”. Chiarita la dinamica delle ultime vicende, il primo cittadino riflette sul suo ruolo e spiega che “non sono stato eletto per chiudermi nelle stanze e per gestire il potere, ma per aprirmi ai contributi delle forze responsabili e per dare sostegno alla cittadinanza guidando e non subendo i processi e rendendoli funzionali alla crescita di Serra San Bruno, che deve continuare ad essere, come da sua naturale vocazione, un punto di riferimento del comprensorio”.
C’è poi un’analisi dei possibili scenari: “la nostra città ha bisogno di un’Amministrazione attenta, composta da serresi che vivono a Serra e che dunque conoscono davvero il territorio, i suoi problemi, le sue opportunità. Non ha bisogno di traumi, di salti nel buio, di avventure, di esperimenti. Ha invece bisogno di democrazia e confronto, di valorizzazione delle sue eccellenze, di proiettarsi verso un futuro con la coscienza dei mezzi che ha a disposizione”.
Queste considerazioni spingono Tassone a rivolgere un appello “ai cittadini, ai gruppi che hanno amato la città ed hanno contribuito a farla migliorare, alle forze politiche responsabili che hanno a cuore il destino di Serra”. L’obiettivo non è quello di individuare “un appoggio per mandare avanti la consiliatura”, ma quello di chiedere “un sostegno per costruire un lungo cammino che veda Serra protagonista”. “Sono convinto – conclude Tassone – che Serra disponga della serietà, delle competenze e delle intelligenze che possano disegnare consapevolmente un percorso di benessere che consenta ai nostri figli di essere orgogliosi di realizzarsi in questa terra”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento