Sequestrati tre depuratori a Conflenti

Proseguono senza soluzione di continuità le attività di controllo in materia di tutela dell’ambiente svolte in sinergia dai militari della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Vibo Valentia e del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Vibo Valentia.


I militari, durante i controlli finalizzati alla verifica degli impianti di depurazione ubicati a Conflenti, in provincia di Catanzaro, hanno accertato, anche con l’ausilio dell’ARPACAL, la non corretta gestione delle piattaforme depurative comunali che aveva portato ad una inefficace depurazione dei reflui in uscita dall’impianto.
Il personale operante, successivamente agli accertamenti di rito ed in esecuzione ad un provvedimento del Giudice delle Indagini Preliminari su richiesta della Procura della Repubblica di Lamezia Terme, ha proceduto a porre sotto sequestro le tre strutture depurative ubicate in località Ortosella, San Mazzeo Stranges e San Mazzeo Chiosci, a Conflenti.
Tale accertamento, effettuato nell’ambito di una più vasta attività d’indagine delegata dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme, ha determinato, tra l’altro, numerosi controlli ai depuratori presenti lungo tutta la fascia costiera, i cui esiti sono stati dettagliatamente comunicati all’Autorità Giudiiaria.

Contenuti correlati