Sequestrata un’autocarrozzeria, denunciato il proprietario

Sono state elevate sanzioni amministrative per un ammontare di 5000 euro

Ieri, nell’ambito dei servizi di controllo delle attività commerciali ed artigianali connesse alla circolazione stradale, agenti del Distaccamento Polizia Stradale di Brancaleone, sulla Strada Statale S106, a Bianco, hanno sequestrato un capannone adibito a autocarrozzeria con annesso terreno, denunciando il titolare, L.A..

In occasione del controllo all’interno dei locali, il proprietario stava espletando l’attività di riparazione e verniciatura di alcuni veicoli utilizzando prodotti per il cui smaltimento è necessaria la relativa autorizzazione che, tra l’altro, consente di tracciare il rifiuto fino il suo completo smaltimento e di cui il titolare era privo. E’ stata anche rilevata la presenza di un forno adibito alla verniciatura delle autovetture, munito di impianto di aspirazione dei fumi che venivano rilasciati all’esterno senza i previsti filtri. I locali, inoltre, privi di contenitori, nei quali vengono temporaneamente depositati i diluenti e solventi utilizzati per le fasi della verniciatura dei veicoli, non erano muniti dei certificati antincendio, obbligatori per tale tipo di attività considerato l’uso di prodotti altamente infiammabili. Durante il controllo è stata, inoltre, sequestrata un’autovettura di dubbia provenienza che presentava i dati identificativi non chiaramente leggibili. Al termine dell’attività di controllo il proprietario è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per la mancanza dei titoli autorizzativi relativi all’attività di autocarrozzeria. L’intero locale comprensivo delle attrezzature è stato sequestrato. Sono state elevate sanzioni amministrative per un ammontare di 5000 euro.

Contenuti correlati