Sanità, la collera del ministro Grillo: “Farò ogni cosa in mio potere per oppormi alle nomine non trasparenti di Oliverio”

"I calabresi non ne possono più di questo disastro"

“La Giunta regionale della Calabria con la nomina dei commissari ha compiuto un grave atto di arroganza istituzionale che traccia una linea netta nei nostri rapporti”.

E’arrivata a stretto giro di posta la piccata reazione del ministro della Salute Giulia Grillo alle nomine, approvate nel pomeriggio dalla Giunta regionale, dei vertici delle Aziende sanitarie. “La sanità della Calabria – è il commento della titolare del dicastero della Salute – è stata commissariata perché continua a rimanere in una situazione indecente: i Livelli essenziali di assistenza peggiorano di anno in anno e il disavanzo continua a crescere. Oliverio, con la sua volontà di tirare dritto, senza sentire nessuno se non la sua Giunta, sulle nomine delle Aziende sanitarie e ospedaliere ha, di fatto, sbattuto la porta in faccia ai neo-Commissari Cotticelli e Schael e, quindi , al Governo. Appare evidente che occorre cambiare rotta”. “Farò ogni cosa in mio potere per oppormi al perpetuarsi della malagestione della sanità in Calabria e quindi a queste nomine non trasparenti”. “Lo dobbiamo ai calabresi – insiste Giulia Grillo – che non ne possono più di questo disastro, lo dobbiamo a tutti i cittadini che ci chiedono di cambiare il Paese. L’atto di arroganza unilaterale del presidente Oliverio merita tutto il rigore di questo Governo, i cittadini calabresi meritano il cambiamento”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento