Sanità, approvata in Commissione la legge “salva precari”

L'ok è stato unanime

La terza Commissione consiliare, presieduta dal consigliere Michele Mirabello, ha approvato all’unanimità nel corso della seduta odierna un progetto di legge contenente provvedimenti urgenti ‘per garantire l’erogazione dei servizi sanitari in ambito regionale’, meglio conosciuto come ‘legge salva precari’.


La Commissione, dopo un lunghissimo dibattito, alla presenza del Commissario straordinario per il rientro del debito sanitario, Generale Saverio Cotticelli, e del delegato del presidente Oliverio per i problemi della sanità, Francesco Pacenza, ha altresì approvato due proposte di provvedimento amministrativo: il primo, di iniziativa della Giunta regionale contenente il piano triennale 2019-2021 degli interventi per l’attuazione del diritto allo studio universitario; il secondo, sempre di iniziativa dell’Esecutivo, contenente il piano triennale 2019-2021 per l’istruzione tecnica superiore.
A conclusione della seduta, il presidente della Commissione Michele Mirabello ha così commentato: “Esprimo soddisfazione per l’approvazione della ‘legge salva precari’, all’unanimità, e controfirmata da tutti i colleghi consiglieri presenti ai lavori. Questo provvedimento – evidenzia Mirabello – si lega alla fitta interlocuzione che il presidente della Giunta regionale Oliverio e il dottore Franco Pacenza hanno avviato con il ministro della Salute per procedere alla proroga delle graduatorie, alle modifiche della legge Madia e per l’adeguamento del fabbisogno del personale sanitario in Calabria”.
Ai lavori della Commissione hanno partecipato i consiglieri regionali Parente, Bova, Battaglia, Guccione, D’Agostino, Pedà, Esposito e Gallo.

Contenuti correlati