Processo a dipendenti del Comunale di Polistena: tutti assolti

Erano stati rinviati a giudizio nel febbraio del 2018 il geometra Domenico Cannata e gli operai del Comune di Polistena da lui diretti, Agostino Spanò, Vincenzo Nasso e Domenico Sicari. L’accusa era per tutti quella di abuso d’ufficio, falso ideologico, truffa e peculato, con richieste di pena dai tre anni di reclusione (per il primo) ai due anni ed all’anno e mezzo di reclusione (per gli altri tre), oltre alle inevitabili conseguenze sul piano disciplinare nel rapporto di lavoro con la Pubblica Amministrazione.

Era successo che un cittadino polistenese, poi rimasto anonimo, nel corso del novembre 2015, li aveva ripresi con il suo cellulare mentre i quattro erano intenti ad effettuare delle riparazioni nella casa di campagna di Cannata, durante l’orario di lavoro ed utilizzando le attrezzature del Comune: il video, corredato da un esposto anonimo che derideva l’efficienza della macchina organizzativa comunale, era finito poi sul tavolo delle locali forze dell’ordine, le quali avevano avviato l’indagine. I legali di fiducia degli imputati infatti – l’avvocato Francesco Giuseppe Formica (difensore di Cannata, Spanò e Nasso) e l’avvocto Pasquale Loiacono (difensore di Sicari), entrambi del Foro di Palmi – hanno dimostrato, nel corso della lunga istruttoria, come il materiale fotografico ed i video allegati all’esposto anonimo fossero in realtà, sebbene molto numerosi, rappresentativi di un intervento sul posto di pochissimi minuti, fatto a titolo di cortesia per fronteggiare una emergenza occorsa all’anziana madre di Cannata, che presso quella abitazione abita, e comunque dopo che i tre operai, coordinati dal loro caposquadra, avevano scrupolosamente adempiuto alle loro rispettive mansioni, effettuando tutti gli interventi di manutenzione alle strutture del Comune che Cannata stesso aveva programmato si dovessero fare in quelle determinate giornate. Il Tribunale Collegiale di Palmi, presieduto dalla dottoressa Bandiera, all’esito della camera di consiglio riunitasi nel tardo pomeriggio dello scorso giovedì, accogliendo la tesi sostenuta dai due legali, ha completamente assolto i quattro imputati, respingendo l’accusa di abuso d’ufficio e di falso ideologico per particolare tenuità del fatto e quella di truffa e peculato perché il fatto contestato non sussiste.

Contenuti correlati