Processato per rapina, lesioni e violenza privata: assolto perché “il fatto non sussiste”

Il Tribunale di Castrovillari in composizione collegiale, in totale accoglimento delle richieste avanzate dall’avvocato Francesco Nicoletti, ha assolto un 33enne crosiota dalle gravissime imputazioni di rapina, lesioni personali e violenza privata in concorso con altro imputato.

I FATTI Le indagini hanno preso il via in seguito alla denuncia presentata da un uomo presso la Legione Carabinieri Calabria – Stazione di Rossano. Il denunciante aveva riferito nel dettaglio un episodio che aveva avuto origine mentre si trovava all’interno di un bar-tabacchi.

Qui, secondo quanto denunciato, sarebbe avvenuto il primo incontro con due soggetti che, dopo averlo fissato insistentemente e aver parlato tra di loro, gli si sarebbero avvicinati per chiedergli se avesse visto un portafogli che poco prima era caduto a terra. Alla domanda l’uomo avrebbe risposto negativamente, per poi allontanarsi a bordo della propria auto. Dopo aver percorso circa cinquanta metri l’uomo si sarebbe accorto dallo specchietto retrovisore che le due persone notate nel bar lo stavano seguendo e gli facevano segno di accostare. Appena fermata la propria auto, l’uomo avrebbe chiamato i carabinieri mentre i due gli avrebbero chiesto a gran voce dove avesse messo il portafogli che stavano cercando. Su invito dello stesso conducente, i due avrebbero controllatol’interno dell’autovettura e proceduto finanche alla perquisizione personale dell’uomo che a quel punto sarebbe  stato aggredito e scaraventato a terra, colpito a calci in varie parti del corpo. Aperto il vano oggetti dell’auto, i due si sarebbero impadroniti di una ingente somma di denaro in contanti per poi andarsene a bordo del proprio mezzo. Nel frattempo, dopo essersi recato presso il presidio ospedaliero dell’area urbana di Rossano dove sarebbe stato visitato e refertato, l’uomo avrebbe denunciato l’accaduto fornendo anche il modello di auto degli aggressori, dettagli della targa e una loro descrizione fisica. Da qui ha preso il via l’attività degli inquirenti, sfociata poi nel procedimento penale.

IL PROCESSO E LA SENTENZA Conclusa l’istruttoria dibattimentale nell’ambito del processo a carico del 33enne crosiota, all’esito delle discussioni delle parti il Tribunale di Castrovillari in composizione collegiale, in totale accoglimento delle ragioni difensive esposte dall’avvocato Francesco Nicoletti, ha assolto l’imputato con la formula più ampia “perché il fatto non sussiste”.

Contenuti correlati