Prende a pugni la compagna davanti alla figlioletta: la Polizia lo arresta

Solo ieri sera, esasperata dall’ennesimo attacco, ha trovato il coraggio di denunciare tutt

Nella tarda serata di ieri personale dell’ Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico (Squadra Volante), ha tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia, A.A.D., rumeno 43enne, da diversi anni residente a Cosenza nel centro cittadino.


Quando gli agenti sono arrivati nell’abitazione ,la donna, anche lei rumena, di 47 anni, presentava sul volto i segni delle percosse provocategli poco prima dal di lei compagno.
La malcapitata, in lacrime, ha riferito di essere stata minacciata, presa a pugni e trascinata per i capelli in casa.
Testimone delle violenze domestiche la figlia minore di lei che ha dovuto assistere all’ennesima aggressione della madre durata fino a che la donna è riuscita ad allontanarsi da casa ed a chiamare la Polizia.
Agli operatori di Polizia la donna ha raccontato di aver subito in passato altre aggressioni e sofferenze da parte dell’uomo, ma solo ieri sera, esasperata dall’ennesimo attacco, ha trovato il coraggio di denunciare tutto.
L’uomo arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale di Cosenza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Contenuti correlati