Pizzo, sequestrata la sala del ristorante del “Napeto Village”

Azione di controllo con sanzioni in un noto locale di Pizzo. Presso il “Napeto Village” è stata infatti organizzata una serata danzante a cui è stato invitato come “guest star” Francesco Monte, volto noto della televisione.
I carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia di conseguenza hanno organizzato un servizio volto al controllo del rispetto delle leggi sui pubblici spettacoli. I militari della Stazione di Pizzo, in collaborazione con quelli dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Vibo Valentia, della Compagnia di Intervento Operativo del 14^ Battaglione “Calabria”, dei Cinofili di Vibo Valentia e del Nas di Catanzaro, si sono quindi presentati presso il ristorante di quel villaggio che, secondo le forze dell’ordine, era stato trasformato in discoteca e all’interno del quale si trovavano stipati più di 500 ragazzi, numero ritenuto spropositato di persone rispetto a quelle che la sala poteva contenere con gravi rischi per la loro incolumità anche alla luce dei recenti fatti verificatisi a Torino in occasione della finale di Champions League.
All’esito del controllo i carabinieri hanno, quindi, denunciato il legale rappresentante del villaggio turistico e i 2 organizzatori della serata poiché trovati sprovvisti della licenza per l’organizzazione di spettacoli pubblici incorrendo così nella violazione di cui all’articolo 681 del Codice Penale (apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o intrattenimento). La sala ristorante all’interno della quale si era materialmente svolta la serata è stata quindi sequestrata.
Inoltre, i militari del Nas hanno proceduto alla contestazione della normativa speciale in seguito all’accertamento della mancanza dell’apparecchio di rilevamento del tasso alcolemico e delle relative tabelle, dell’omessa esposizione dei cartelli relativi al divieto di fumo e della presenza di fumatori all’interno del locale, per una sanzione pecuniaria complessiva ammontante alla oltre 2.000 euro.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento