Pino Galati può tornare in Calabria: la Cassazione infligge un colpo all’inchiesta “Quinta bolgia”

La Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio l’ordinanza di applicazione del divieto di recarsi in Calabria per Pino Galati. L’ex parlamentare era stato coinvolto nell’inchiesta “Quinta bolgia” in quanto accusato di abuso d’uffici, accusa poi declassata in tentativo di illecita concorrenza aggravata dalle modalità mafiose.
In particolare, l’inchiesta mirava a verificare presunti appoggi ad una ditta di pompe funebri relativamente al servizio ambulanze per l’Asp di Catanzaro.
La Suprema Corte non avrebbe ravvisato i necessari indizi di colpevolezza.

Contenuti correlati