Picchia e violenta la convivente: arrestato

Nel pomeriggio di ieri, personale della Squadra Mobile della Questura di Cosenza ha dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misura cautelare coercitiva, emessa dal Gip presso il Tribunale ordinario di Cosenza, a seguito di richiesta della Procura della Repubblica diretta da Mario Spagnuolo, nei confronti di un trentenne di nazionalità marocchina, domiciliato in Cosenza.
Invero, l’uomo si sarebbe reso responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale, lesioni e violenza privata, nei confronti della propria convivente, con la quale ha generato due figli, entrambi minori, innanzi ai quali, in stato di alterazioni per utilizzo di sostanze stupefacenti ed alcoliche, avrebbe maltrattato ed ingiuriato la convivente non accettando il suo stile di vita modello “occidentale”, picchiandola e aggredendola, anche per futili motivi, cagionando spesso volte vistosi segni sul corpo della prefata, in presenza dei minori, di uno e quattro anni, che erano costretti quindi ad assistere inermi alle violenze subite dalla madre.
Il soggetto, inoltre, sempre attraverso minacce, avrebbe costretto la donna, durante la loro convivenza, anche a subire violenza fisica e psicologica durante i loro rapporti sessuali. La convivente non ha mai denunciato le violenze sopra descritte in quanto il trentenne l’avrebbe obbligata, attraverso ulteriori minacce di morte, a non denunciarla.
L’elevata esperienza ed il grande acume investigativo ha fatto capire agli investigatori la necessità di intervenire con astuzia e determinazione nella vicenda, così da riuscire in breve tempo ad individuare il luogo dove lo stesso dimorava, inducendo questo a non opporre alcuna resistenza alla presenza degli investigatori che, quindi, dopo una certosina ed alacre attività info-investigativa, sono riusciti a garantire alla giustizia un soggetto incline ad una visione integralista nonché recidivo nel compiere atti delinquenziali di alto disvalore sociale, come lo spaccio di sostanze stupefacenti in zone frequentati da minori.
Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato accompagnato presso la locale casa circondariale a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento